Esattamente tre mesi fa Alex Zanardi veniva coinvolto in un terribile incidente, era in strada con il suo handbike quando perse il controllo ed è finito contro un autotreno che giungeva dalla direzione opposta. Da quel momento ha iniziato a lottare per la sua vita, una lotta durissima, che sarà ancora molto lunga. Ma Alex è un lottatore, lo ha sempre dimostrato e ora sta dando segnali positivi, come ha dichiarato il dottor Costa.

Le condizioni di Zanardi, le parole del dottor Costa

La moglie Daniela e il figlio Niccolò sono sempre al fianco di Zanardi, ma spesso presente è stato anche il dottor Claudio Costa, medico sportivo, famoso per il suo lavoro in clinica mobile, che è anche un grande amico dell'ex pilota. E Costa ha parlato, in un'intervista a ‘La Stampa', per la prima volta ufficialmente delle condizioni di Zanardi che sono in miglioramento:

Ha iniziato la fisioterapia neurologica che in medicina è quella fase in cui si aspettano le sorprese e i miracoli. Ho visto miglioramenti, dà risposte agli stimoli, stringe le dita, gli stanno rieducando la testa. Ha un fisico da fantascienza e una mente straordinaria, lo so che questa volta si parla del cervello, ma sono sicuro che lui saprà inventarsi qualcosa con quello che è rimasto.

La perizia dell'incidente di Zanardi

Dunque qualche piccolo passo in avanti c'è, che danno fiducia ai medici, agli amici, ai suoi tifosi e soprattutto ai familiari. Intanto nei giorni scorsi è stata depositata la perizia sull'incidente di Zanardi. Il professor Vangi non ha notato problemi strutturali o guasti meccanici nel mezzo del quattro volte oro paralimpico, che quindi non ha avuto dei problemi con l'handbike, e ha anche verificato che nelle strade di Obiettivo Tricolore, che si stava disputando in provincia di Siena, non c'erano buche.