801 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
5 Agosto 2021
11:37

Elia Viviani grande lo stesso, bronzo nell’Omnium di ciclismo su pista alle Olimpiadi

Elia Viviani si rende protagonista di una bella rimonta e conquista la medaglia di bronzo nella specialità dell’Omnium maschile di ciclismo su pista alle Olimpiadi di Tokyo 2021. “Mi dispiace aver perso la medaglia argento all’ultimo giro ma per come era iniziata la giornata possiamo festeggiare ugualmente”.
A cura di Maurizio De Santis
801 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Elia Viviani si rende protagonista di una bella rimonta e conquista la medaglia di bronzo – 17simo podio, la 34sima in assoluto per l'Italia – nella specialità dell'Omnium maschile di ciclismo su pista alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Dopo il successo ottenuto cinque anni fa a Rio 2016, l'azzurro mette un altro titolo in bacheca chiudendo le prove con 124 punti totali alle spalle dell'inglese Matthew Walls (oro, 153) e del neozelandese Campbell Stewart (argento, 129). Un risultato che si aggiunge all'impresa straordinaria compiuta da Ganna, Consonni, Lamon e Milan (oro e record del mondo nell’inseguimento a squadre).

Mi dispiace aver perso la medaglia argento all’ultimo giro – ha ammesso ai microfoni della Rai a caldo, poco dopo la certezza di aver ottenuto almeno un terzo posto che vale come un oro –. Ce l'ho messa tutta ma non avevo più abbastanza energie. Ne avevo sprecate molte con l’attacco negli ultimi giri. Per come avevo iniziato, però, c'è solo da festeggiare. Ci avrei messo la firma per ottenere il bronzo…

Bronzo in rimonta nelle ultime due prove

L'italiano, campione in carica, ha abdicato a causa di un inizio in chiaroscuro che lo ha visto solo 13simo nello scratch e in difficoltà anche nella tempo race (11sima posizione). La svolta è arrivata a partire dalla terza frazione quando s'è imposto nella corsa a eliminazione e ha messo il fiato sul collo al britannico, accorciando il gap poco alla volta restando nella scia del danese Niklas Larsen e dello svizzero Thery Schir. Nella quarta tappa del programma di giornata Viviani ha alzato il ritmo, guadagnando una manciata di punti nel giro e grazie ad alcuni sprint intermedi.

Il secondo posto e l'argento sembravano a un passo ma il piazzamento era solo virtuale, mancava ancora un ultimo sforzo per ottenerlo del tutto. A un solo giro calla conclusione ha subito il ritorno del neozelandese. Non è ancora finita per Viviani e per l'Italia: l'appuntamento adesso è la finale Madison di sabato prossimo (ore 9.55 italiane).

801 CONDIVISIONI
466 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni