Giusta la decisione di assegnare il rigore alla Juventus col Var da regolamento. Molto discutibili, invece, la decisione di non fischiare il penalty al Bologna (fallo di De Sciglio su Barrow) e il la semplice ammonizione comminata a Danilo, la cui entrata pericolosa avrebbe meritato il "rosso" per l'intervento su Juwara. Sono questi gli episodi da moviola finiti sotto i riflettori nel corso della sfida giocata al Dall'Ara e che hanno provocato la reazione stizzita del tecnico rossoblù, Sinisa Mihajlovic. "Voglio vedere se a noi ne dà uno così…", le parole del serbo.

Perché Rocchi ha assegnato il rigore col Var

Uno dei 3 casi da moviola fa riferimento al 22° minuto quando alla Juventus viene fischiato il tiro dal dischetto dopo la revisione al Var da parte dell'arbitro Rocchi. Richiamato dalla cabina di regia, il direttore di gara va alla on-field-review riconoscendo implicitamente che qualcosa gli è sfuggita nella dinamica dell'azione. Anzi, cambia la propria decisione rispetto alla punizione concessa al Bologna in quello stesso frangente per fallo in attacco di Rabiot su Dijks. Ecco perché, dopo aver consultato le immagini a bordo campo, si accorge della trattenuta palese di Denswil su De Ligt. Si tratta di un episodio precedente che non ha visto perché coperto da altri calciatori o che non ha rilevato nella concitazione dell'azione.

Il Bologna recrimina: negato un rigore su Barrow

Nella ripresa le proteste del Bologna contro Rocchi prendono in esame il fallo commesso da De Sciglio su Barrow. Succede tutto nella stessa area dove nel primo tempo è stato concesso il penalty ai bianconeri. De Sciglio affronta l'attaccante dei felsinei in maniera poco ortodossa. Il contatto c'è ma l'arbitro lascia continuare.

Danilo solo ammonito (poi espulso)

Ultima annotazione rispetto all'arbitraggio di Rocchi: un brutto intervento di Danilo su Juwara avrebbe meritato il cartellino rosso. L'ex Manchester City commette un fallo pericoloso ma se la cava con un'ammonizione. Un'altra ingenuità gli costerà invece un secondo giallo e il rosso (con tanto di squalifica per il prossimo turno).