Il Benevento dopo una decina di minuti segna il gol del vantaggio contro il Torino. L'1-0 lo firma Glik, ma dopo che il pallone termina in rete l'arbitro viene richiamato dal VAR che ravvisa un tocco di mano del difensore polacco. Le immagini, viste e riviste, dimostrano che il tocco dell'ex capitano granata c'è, il tocco senz'altro non è volontario, ma la regola della volontarietà non esiste in area di rigore e quindi il direttore di gara, Giacomelli di Trieste, decide di annullare il gol.

Gol annullato a Glik per un fallo di mano

I campani passano in vantaggio quasi subito, il gol lo realizza Glik. Sugli sviluppi di un corner c'è un'azione concitata che vede protagonisti una mezza dozzina di calciatori, compreso Izzo che ha la peggio il difensore subisce un duro colpo e ritorna in campo con una vistosa fasciatura. Il centrale polacco tocca in modo vincente. Glik insacca, supera Sirigu, ma colpisce con una mano. Il tocco non è volontario, il pallone gli rimbalza sul dorso, ma l'involontarietà non conta. E quindi il gol viene correttamente annullato.

Fallo di Sirigu e rigore per il Benevento

Alla mezz'ora la squadra di casa si procura un calcio di rigore. Viola imbecca in modo magistrale Lapadula che prende d'infilata la difesa granata, colpevolmente sorpresa, e calcia in porta, il tocco è bello ma il pallone finisce alto. Sirigu però frana sull'attaccante italo-peruviano. Giacomelli non ha indecisioni: è calcio di rigore. Qualche dubbio resta, ma il VAR conferma la decisione del direttore di gara. Dal dischetto Viola è perfetto, Sirigu è spiazzato e il Benevento trova il gol del vantaggio. Nel finale di tempo Caprari va giù in area dopo un contatto leggerissimo. L'arbitro all'ex Parma fa segno di rialzarsi. Anche in questo caso decisione giusta.