Il 2020 fin qui è molto tormentato per Joaquin Correa. L'attaccante argentino della Lazio non riesce a trovare pace e probabilmente per troppa generosità ha subito una ricaduta. Correa è costretto a fermarsi per almeno dieci giorni, e salterà la partita con la Spal e pure quella con il Verona, potrebbe tornare a disposizione per la sfida con il Parma.

L'infortunio al polpaccio di Correa

Le condizioni dell'attaccante argentino sono migliori rispetto a quello che si pensava. Il giocatore è stato sottoposto ad accertamenti clinici presso la clinica Paideia di Roma. Gli esami hanno confermato il problema al polpaccio sinistro. Non dovrebbero esserci lesioni per Correa, che è stato costretto a lasciare il campo al 76′ del derby con la Roma.

Quante partite salterà Joaquin Correa

Durante la prima gara del nuovo anno, a Brescia, Correa ha subito un infortunio al polpaccio che lo ha tenuto fuori nelle partite successive, quelle di campionato con Napoli e Sampdoria e di Coppa Italia con la Cremonese. In coppa però l'argentino è tornato, a Napoli, una mezz'oretta a basso ritmo prima del derby, in cui Correa non ha brillato forse perché non era al top. Ora l'argentino dovrà saltare sicuramente la partita con la Spal e difficilmente sarà in campo in occasione del recupero di campionato con il Verona (in programma il 5 febbraio). La prossima settimana il calciatore sarà rivalutato e saprà se potrà giocare contro il Parma, domenica 9 febbraio.

Chi sostituirà Correa e giocherà in attacco con Immobile

Non ha molte alternative in attacco Simone Inzaghi che al fianco di Ciro Immobile manderà in campo l'ecuadoriano Felipe Caicedo, che nelle ultime settimane ha sempre trovato più spazio e che si è confermato partner ideale di Immobile. I due sudamericani hanno un bilancio stagionali molto simile: 7 gol in 21 partite stagionali per Correa, 5 in 23 per Caicedo.