11 Agosto 2022
12:55

La sceneggiata del calciatore è virale, perde tempo con una simulazione grottesca

In un match del campionato malese succede di tutto. Pur di perdere tempo e blindare il risultato, Sunday Afolabi del Perak si rende protagonista di un atteggiamento assurdo e antisportivo.
A cura di Maurizio De Santis
La simulazione assurda messa in scena da Afolab, calciatore del Perak.
La simulazione assurda messa in scena da Afolab, calciatore del Perak.

Sunday Afolabi, giocatore del Perak FC, è il protagonista della simulazione più assurda e grottesca mai vista finora. Le imagini arrivano dall'altra parte del mondo, durante un match giocato in Malesia. La sequenza video diventa subito virale per la sceneggiata fatta dal calciatore. Motivo? Voleva perdere tempo, guadagnare minuti preziosi, faro scorrere il cronometro per conservare il vantaggio (2-1) e portare a casa la vittoria.

Lo ha fatto nella maniera più discutibile ed esilarante possibile. Senza alcuna vergogna. Con atteggiamento sfrontato abbastanza da esibirsi sotto gli occhi di un avversario che era accanto a lui. In maniera provocante e irrispettosa.

L’espressione stupita dell’avversario dinanzi all’atteggiamento del calciatore che si rotola per terra in preda al finto dolore per un fallo che non ha subito.
L’espressione stupita dell’avversario dinanzi all’atteggiamento del calciatore che si rotola per terra in preda al finto dolore per un fallo che non ha subito.

L'attaccante ha approfittato di un momento di pausa in occasione di un calcio d'angolo da battere nella metà campo avversaria. Ha pensato che fosse quello il momento giusto per salire sul palcoscenico e ingraziarsi la folla di tifosi inventando passi di una danza strana. Non aveva segnato un gol, il suo obiettivo era solo fare ostruzionismo nella maniera più colorita e coreografica possibile. A suo modo, ci è anche riuscito. Ma ha fatto davvero una brutta figura.

Cosa ha combinato? Basta dare un'occhiata alla clip che dura circa un minuto e nel corso della quale Afolabi ha dato il meglio (o il peggio) di sé… Ha iniziato a dimenarsi e a ballare nei pressi della linea di fondo per ritardare la ripresa del gioco mentre l'avversario che era vicino assisteva visibilmente infastidito a quella scenetta.

Lo stesso direttore di gara è sembrato poco tempestivo nell'intervenire e chiedere al calciatore di avere un atteggiamento più leale. Ma quel che accadrà dopo sarà anche peggio. Terminato quel balletto, Afolabi si volta e si dirige verso il centro dell'area di rigore. S'incrocia con l'avversario, dà l'impressione di cercare il contatto. E appena si sente toccato, si lascia cadere nemmeno avesse presso chissà quale calcio.

Avversari e compagni di squadra si avvicinano ad Afolabi. Li ha ingannati tutti con quella sceneggiata divenuta virale.
Avversari e compagni di squadra si avvicinano ad Afolabi. Li ha ingannati tutti con quella sceneggiata divenuta virale.

In realtà dalle immagini si nota solo un leggero tocco di scarpa dell'avversario, che quasi inciampa nei suoi piedi. Null'altro. Afolabi, invece, urla, si contorce per il dolore, inizia a rotolare, alza il braccio per richiamare l'attenzione dell'arbitro e dello staff medico. È il suo intento… perdere ancora tempo.

Avversari e compagni di squadra lo guardano stupito, qualcuno si avvicina anche a lui ingannato da quel teatrino. Lo stesso calciatore che era accanto a lui allarga le braccia come a dire "ma che ho fatto?". E sugli spalti la prendono a ridere.

Perde troppo tempo in bagno e fa tardi all'appuntamento: l'allenatore lo lascia fuori dai titolari
Perde troppo tempo in bagno e fa tardi all'appuntamento: l'allenatore lo lascia fuori dai titolari
Perin tocca Neymar per vedere come sta: il brasiliano simula una coltellata alla schiena
Perin tocca Neymar per vedere come sta: il brasiliano simula una coltellata alla schiena
Allegri sfiduciato dai suoi stessi calciatori: il labiale di Di Maria a Milik è una sentenza
Allegri sfiduciato dai suoi stessi calciatori: il labiale di Di Maria a Milik è una sentenza
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni