Paulo Dybala è tutto fuorché ‘Joya'. A Crotone, con la Juventus in difficoltà e con l'esigenza di strappare un risultato che fosse qualcosa di più di un semplice pareggio di rimonta contro una delle neopromosse in Serie A non ha visto il campo. "Non c'erano le condizioni ideali per farlo giocare" ha spiegato nel dopo partita Andrea Pirlo, alludendo ad una Juve in 10 e chiudendo un caso ancora prima che si aprisse, di fronte alle domande perché non avesse utilizzato un calciatore delle qualità dell'argentino capace di trovare la giocata vincente in qualsiasi momento.

Dunque, per Pirlo non solo per Dybala non era la serata giusta per scendere in campo ma c'era anche il fattore condizione fisica precaria a spingere il tecnico della Juventus a non usufruire delle giocate dell'argentino. Che, malgrado le tante assenze e qualche Primavera in campo aggregato alla prima squadra, come Portanova e Fabrotta, ha vissuto la serata di Crotone dalla panchina. "Si è allenato solamente 10 minuti venerdì" ha sottolineato Pirlo spiegando le sue scelte iniziali e quelle di gara in corso.

La domanda, però, sorge spontanea: perché portarsi dietro Dybala a Crotone se l'intenzione non era nemmeno quella di dargli qualche minuto nelle gambe e permettergli di riprendere a poco a poco il ritmo partita? A chiederselo è stato anche qualche giornalista sui social, tanto che lo stesso Dybala ha messo un ‘like' galeotto al pensiero molto simile della collega della Gazzetta, Fabiana Della Valle. Un ‘mi piace‘ poi rimosso per evitare polemiche, ma che è stato subito individuato dalla rete che nulla perdona.

Così, la discussione: Dybala ce l'ha con Pirlo che non lo considera nemmeno in assenza di Ronaldo o con Chiesa espulso. Sembrerebbe che questo malumore l'abbia manifestato anche a Paratici a fine partita, mostrando tutto il proprio disappunto. Voci, dicerie, illazioni. Resta però l'amara realtà di una Juventus ‘ in costruzione' e che necessita di tempo per la ‘crescita' come ha spiegato Pirlo ma che su Dybala al momento non ha intenzione di puntare. La Joya fin qui  non ha toccato il campo in campionato: in panchina contro Roma e Crotone, infortunato al debutto con la Sampdoria, convocato per la sfida poi diventata fantasma contro il Napoli.