E' stata una Roma assoluta padrona del campo che ha aperto e chiuso il match in cui la Fiorentina si è ritaglia sterili scampoli di gioco. Fonseca ha saputo gestire perfettamente i suoi nell'ultima uscita del 2019, concludendo una prima parte di stagione con un ritmo da Champions League. In vantaggio con Dzeko, al raddoppio con il cecchino Kolarov, il tris con la perla di Pellegrini e il poker firmato da Zaniolo. Nel mezzo, la rete della speranza di Badelj. Ma non basta: né alla Fiorentina, né a Montella adesso a serio rischio esonero.

Tra la Champions e il riscatto

La Roma non ha nessuna intenzione di mollare il ‘trenino' della Champions League, ma la Fiorentina ha deciso di dare uno schiaffo al 2019 provando la chiusura ad effetto davanti al proprio pubblico. Malgrado le tante assenze e la sensazione di avere una ultima e sola possibilità, Montella schiera al Franchi una squadra pronta a sacrificarsi fino al 90′ e oltre per la causa viola, appoggiando le speranze sull'esperienza di Boateng e la voglia di emergere di Vlaovic.

Vlaovic in offside, Dzeko no

Ne nasce una partita intensa sin da subito con i padroni di casa che spingono e mettono subito in ansia Smalling (non al meglio) e compagni soprattutto quando (al 13′) è proprio Vlaovic ad andare a segno per l'1-0 fermato solamente da una posizione evidente di offside che ha strozzato in gola la gioia del gol. Che è arrivato poco dopo ma a colori e protagonisti invertiti: al 18′ Pellegrini inventa per Zaniolo che offre a Dzeko l'assist perfetto da accompagnare facilmente a segno per il vantaggio giallorosso.

Ancora Roma, poi Badelj

La Roma mette in ghiaccio la partita tre minuti più tardi con Kolarov e la punizione perfetta che schianta Dragowski fermo a guardare la palla sotto il ‘sette'. Uno schiaffo che scaraventa il Franchi all'Inferno dell'incredulità dopo aver assistito a un inizio di match confortante ma illusorio. Fino al 33′ quando è Badelj a riportare la Viola quasi in bolla approfittando di un rimpallo in area giallorossa e segnando il gol dell'1-2.

Goleada Roma, Pellegrini e Zaniolo

Nella ripresa il ritmo cala, la stanchezza si fa sentire e la Roma è brava ad addormentare la partita lasciando intendere di poterla ancora tenere saldamente in mano con lampi in verticale che impegnano la retroguardia viola. E nel finale c'è proprio la Roma che chiude il match in crescendo: prima una caramella di Luca Pellegrini dopo un uno-due con Dzeko e infine, la cavalcata solitaria di Zaniolo per il poker conclusivo che schianta la Fiorentina e Montella.

Il tabellino

Fiorentina-Roma 1-4
Reti: 18′ Dzeko, 21′ Kolarov, 33′ Badelj, 72′ Pellegrini, 88′ Zaniolo

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Caceres; Lirola (83′ Sottil), Pulgar, Badelj, Castrovilli (83′ Eysseric), Dalbert; Boateng (66′ Pedro), Vlahovic.
A disposizione: 
Terraciano, Ceccherini, Ranieri, Venuti, Terzic, Zurkowski, Ghezzal, Cristoforo.
Allenatore: Montella

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi, Smalling, Mancini, Kolarov; Diawara, Veretout; Zaniolo (90′ Spinazzola), Pellegrini (85′ Under), Perotti (76′ Mkhitaryan); Dzeko.
A disposizione: Fuzato, Cardinali, Juan Jesus, Fazio, Cetin, Antonucci, Kalinic.
Allenatore: Fonseca

Ammoniti: Pezzella, Zaniolo, Caceres, Kolarov, Diawara, Castrovilli, Vlahovic