1 Agosto 2022
12:16

Dani Olmo è un genio: lascia il pallone ma non è come sembra, Lucas Hernandez ridicolizzato

Nella Supercoppa di Germania il Lipsia ha provato a ribaltare l’esito dell’incontro col Bayern in tutti i modi possibili: anche con quelli più subdoli. Lucas Hernandez ci è cascato e ha fatto una figura barbina.
A cura di Paolo Fiorenza

Sabato scorso il Bayern Monaco ha vinto la Supercoppa di Germania battendo il Lipsia con un pirotecnico 5-3. La gara sembrava segnata all'intervallo, con gli uomini di Nagelsmann in vantaggio per 3-0 grazie ai gol di Musiala, Mané e Pavard. Nella ripresa il Lipsia ha accorciato le distanze con Halstenberg, poi Gnabry ha riallungato portando i bavaresi sul 4-1, prima dello sforzo finale della squadra di proprietà della Red Bull che con le reti di Nkunku su rigore al 77′ e poi Dani Olmo all'88' ha reso palpitanti gli ultimi minuti, visto anche l'abbondante recupero concesso dall'arbitro.

Thomas Muller festeggia col Bayern la vittoria nella Supercoppa di Germania
Thomas Muller festeggia col Bayern la vittoria nella Supercoppa di Germania

A quel punto il Lipsia si è giocato il tutto per tutto, attingendo anche a stratagemmi non esattamente tecnici per cercare di arrivare al pareggio. In quei concitati frangenti, Dani Olmo – che aveva appena segnato il gol del 3-4 – ha avuto un colpo di genio per ‘rubare' un calcio di punizione in zona offensiva al Bayern: vedi mai che qualcuno ci caschi, ha pensato il 24enne centrocampista spagnolo, ed è andata davvero così. In questi casi, se c'è qualcuno cui il copione assegna la parte del furbo, qualcun altro – suo malgrado – passa invece per sprovveduto, a non voler infierire. Il ruolo di chi viene ridicolizzato è toccato nella circostanza a Lucas Hernandez, fratello del milanista Theo.

In pieno recupero è accaduto che il terzino sinistro del Bayern Alphonso Davies si è infortunato, suscitando il rumoreggiare del pubblico di casa – si è giocato alla Red Bull Arena di Lipsia – che pensava che il canadese stesse perdendo tempo. Successivamente il Lipsia ha restituito il pallone agli avversari, ma in maniera non convenzionale. Olmo infatti lo ha portato sulla linea laterale, con l'intento di far credere che lo avesse appoggiato appena fuori dal campo, per far riprendere il gioco al Bayern con una rimessa laterale. Nel video della scena, diventato virale con milioni di visualizzazioni, si vede il guardalinee allungare la testa proprio per valutare se il pallone sia completamente oltre la linea laterale e poi Lucas Hernandez cascarci completamente, afferrando la sfera con le mani per passarla ad un compagno affinché battesse la rimessa con le mani. A quel punto il guardalinee ha sbandierato subito per attirare l'attenzione dell'arbitro, che ovviamente ha fischiato il calcio di punizione a favore del Lipsia per fallo di mano.

Quando ha capito cos'era successo e come era stato gabbato davanti a tutti, Hernandez ha protestato col guardalinee, litigando anche con Laimer e Nkunku. Nella accesa discussione è intervenuto anche Kimmich, che è stato trascinato via da Coman. In tutto questo bailamme, il buon Olmo se ne stava in disparte aspettando che il gioco riprendesse con la punizione da lui astutamente guadagnata. La sua furbata comunque non è servita per cambiare l'esito dell'incontro, anzi all'ottavo minuto di recupero Sané ha segnato il gol del 5-3 finale. Con questo successo, il Bayern ha messo in bacheca tre Supercoppe di fila e dieci in totale. Anche senza Lewandowski, la squadra bavarese ha messo in chiaro subito che intende continuare il suo dominio in terra tedesca.

L'errore di De Ligt condanna il Bayern al pareggio: ha causato il rigore decisivo allo scadere
L'errore di De Ligt condanna il Bayern al pareggio: ha causato il rigore decisivo allo scadere
Il gol di Tel vale un posto nella storia del Bayern: esordio da titolare show a soli 17 anni
Il gol di Tel vale un posto nella storia del Bayern: esordio da titolare show a soli 17 anni
Berlusconi ha deciso di scendere in campo per il Monza:
Berlusconi ha deciso di scendere in campo per il Monza: "Me ne dovrò interessare io"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni