Covid 19
19 Marzo 2020
13:29

Coronavirus, l’incredibile caso della Turchia: tutti in campo nonostante il Covid-19

Il campionato turno non si è ancora fermato per il Coronavirus, e i giocatori hanno chiesto aiuto al sindacato internazionale dei calciatori. “Chiediamo alla Super Lig e alla federazione di riconsiderare urgentemente la decisione di proseguire con gare e allenamenti durante il periodo di diffusione del Covid-19. Molti giocatori non sono a proprio agio a giocare in questo momento”, ha fatto sapere la FIFPro.
A cura di Alberto Pucci
Turk Telecom Arena, Twitter Galatasaray
Turk Telecom Arena, Twitter Galatasaray
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Nonostante l'emergenza Coronavirus, il calcio in Turchia non si è fermato e continua ad essere oggetto di critiche e polemiche. A pochi giorni dal pareggio nel derby di Istanbul tra Galatasaray e Besiktas (giocato a porte chiuse), la Türkiye Futbol Federasyonu non ha infatti ancora pensato di stoppare la ‘Super Liga': il massimo campionato turco, atteso dal ventisettesimo turno in programma nel prossimo weekend. Sul futuro della ‘Serie A turca' pesa però la decisione del governo, che nelle prossime ore deciderà cosa fare del campionato: ormai giunto a poche giornate dalla sua conclusione.

La richiesta dalla FIF Pro

La scelta di continuare a scendere in campo non è ovviamente andata giù a molti giocatori, che hanno alzato la voce chiedendo la sospensione del torneo e costretto la FIF Pro (il sindacato internazionale dei calciatori) a prendere una posizione ufficiale sul problema: "La FIFPro ha scritto alla SuperLig turca e alla federazione chiedendo loro di riconsiderare urgentemente la decisione di proseguire con gare e allenamenti durante il periodo di diffusione del Coronavirus – si legge nel tweet ufficiale pubblicato nelle ultime ore – Numerosi calciatori stranieri ci hanno contattato dicendo che non sono a proprio agio a giocare in questo momento".

La scelta di Obi Mikel

Tra di loro anche Kevin Prince Boateng, passato a gennaio al Besiktas dalla Fiorentina e regolarmente in campo nel derby della capitale: "A porte chiuse è un derby differente e il calcio senza i tifosi non è calcio – ha scritto l'ex Milan sui suoi profili social – La cosa più importante è però che tutti stiano al sicuro". La questione sicurezza è stata alla base anche della scelta di lasciare il paese di Obi Mikel. Il trentaduenne centrocampista nigeriano, sbarcato al Trabzonspor a parametro zero nell'estate 2019, ha infatti deciso di tornare a casa e rescindere subito il contratto nonostante la scadenza del 2021. Se la federazione turca non fermerà il campionato, tra i rischi c'è dunque anche quello di un fuggi fuggi generale di tutti quegli stranieri arrivati in Turchia nel ultimi anni.

31032 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni