L'emergenza Coronavirus sta creando problemi senza precedenti in tutto il mondo. Ci sono stati che hanno già affrontato la pandemia, altri la stanno combattendo in questi giorni e altri ancora hanno iniziato a conoscerla da pochi giorni. Questo virus ha portato alla sospensione inevitabile delle attività sportive in tutta Europa e in Germania la Bundesliga con un comunicato sul suo sito ufficiale ha fatto sapere che chiederà la sospensione dei campionati di prima e seconda divisione fino al 30 aprile. Questa pandemia creerà molti problemi a tutti i livello e il calcio non sarà esente dalla probabile crisi post-virus: per questo motivo, per cercare di far fronte a livello economico al momento dei club più in difficoltà alcuni club hanno deciso di mettere da parte una cifra importante, circa 20 milioni di euro, per i club minori. A riportare la notizia è il quotidiano tedesco Bild.

A prendere questa iniziativa sono stati quattro club tedeschi che giocano la Champions League che sono Bayern Monaco, Borussia Dortmund, Bayer Leverkusen e Lipsia. Questo fondo verrà gestito direttamente dalla federazione tedesca, che deciderà in una seconda fase a chi darli e come distribuirli ma il principio è che ad usufruire di questi soldi siano i club, sia di prima che di seconda divisione, che sono meno forti economicamente. In questo modo le big tedesche stanno cercando di dare una mano a chi non ha la loro stessa potenza per provare a tamponare i problemi economici che questa emergenza provocherà. Una bel gesto.

Union Berlino, calciatori e staff rinunciano agli stipendi

La Germania continua a fare scuola in questo momento difficile. I giocatori e lo staff tecnico dell’Union Berlino hanno aderito a una sorta di cassa integrazione per salvare la società pesantemente danneggiata dal punto di vista economico, evitando il licenziamento dei dipendenti.

tot. contagiati 101.739
30 marzo 1.648
tot. guariti 14.620
30 marzo 1.590
tot. deceduti 11.591
30 marzo 812