2.009 CONDIVISIONI
La nuova Superlega europea di calcio
20 Aprile 2021
16:59

Bayern Monaco e PSG fuori dalla Superlega, è ufficiale: “Il calcio è di tutti”

Non ci sono più dubbi: Bayern Monaco e PSG non parteciperanno alla neonata Superlega. Un rifiuto ufficializzato con parole quasi sprezzanti per la diversa scelta fatta dai 12 club fondatori: “Il calcio è di tutti, continueremo a lavorare con l’UEFA sulla base dei principi di buona fede, dignità e rispetto per tutti”.
A cura di Paolo Fiorenza
2.009 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La nuova Superlega europea di calcio

Se qualcuno aveva ancora dei dubbi sulle posizioni di Bayern Monaco e PSG riguardo ad un possibile ingresso – in qualità di membri ‘fondatori' – nella neonata Superlega, le prese di posizioni ufficiali dei due club le hanno spazzate via nella giornata di oggi.

In effetti qualcuno ipotizzava che i due club potessero ancora entrare nei 15 posti fissi della nuova competizione continentale, ma non avverrà nulla di tutto questo, come annunciato dalla società bavarese in una nota ufficiale e dai campioni di Francia per bocca del loro presidente Al Khelaifi.

Il club tedesco – per lasciare pochi dubbi – ha sparato a 9 colonne sul proprio sito e poi sui social: "L'FC Bayern dice no alla Superlega". Inequivocabile. Aggiungendo poi le dichiarazioni altrettanto forti dei propri dirigenti, il presidente Hainer e il CEO Rummenigge.

"L'FC Bayern Monaco ha una posizione chiara sulla questione della Super League – si legge nel comunicato – ‘I nostri membri e tifosi rifiutano una Super League', ha detto il presidente Herbert Hainer. ‘Come FC Bayern, è nostro desiderio e obiettivo che i club europei vivano la meravigliosa ed emozionante competizione che è la Champions League e la sviluppino insieme alla UEFA. L'FC Bayern dice no alla Super League'.

Il CEO Karl-Heinz Rummenigge ha ribadito che: ‘A nome del consiglio, vorrei chiarire esplicitamente che l'FC Bayern non prenderà parte alla Super League. L'FC Bayern è solidale con la Bundesliga. È sempre stato ed è un grande piacere per noi poter giocare e rappresentare la Germania in Champions League. Ricordiamo tutti con affetto la nostra vittoria della Champions League 2020 a Lisbona, non si dimentica un momento così felice. Per l'FC Bayern, la Champions League è la migliore competizione per club al mondo".

Parole chiarissime, anche sul piano del carico emotivo in aggiunta alla sostanza del rifiuto netto della Superlega. Non meno tranchant sono quelle arrivate a distanza di pochi minuti, per bocca di Nasser Al Khelaifi, plenipotenziario del Paris Saint-Germain, rieletto oggi nell'Esecutivo UEFA a Montreux come rappresentante – al pari di Rummenigge – di quell'ECA da cui invece Andrea Agnelli è sparito in una notte, pur essendone presidente.

"Il calcio europeo è in un momento cruciale, dove tutte le parti in causa devono lavorare insieme, in buona fede, con dignità e per proteggere il gioco che amiamo. Il PSG ha la ferma convinzione che il calcio sia un gioco per tutti. Siamo una famiglia e una comunità, il cui tessuto sono i nostri tifosi e credo che non dovremmo mai dimenticarlo. C'è un chiaro bisogno di far evolvere le esistenti competizioni UEFA, come presentato ieri dalla stessa UEFA a conclusione di 24 mesi di intense consultazioni tra tutte le federazioni europee. Noi crediamo che ogni proposta senza il supporto della UEFA – un'organizzazione che lavora per gli interessi del calcio europeo da quasi 70 anni – non risolva i problemi attualmente affrontati dalla comunità del calcio, ma sia mossa da interessi personali. Il Paris Saint-Germain continuerà a lavorare con l'UEFA, con l'ECA e tutta i protagonisti del calcio europeo, basandosi sui principi della buona fede, della dignità e del rispetto per tutti".

Se dunque i 12 ‘fondatori' della Superlega vorranno arrivare ai 15 membri fissi annunciati, dovranno guardare altrove.

2.009 CONDIVISIONI
179 contenuti su questa storia
La Liga a muso duro contro la Superlega, l'attacco al format e ai principi:
La Liga a muso duro contro la Superlega, l'attacco al format e ai principi: "Conquistalo in campo!"
La Superlega da oggi ha un volto, questo: è l'inizio della vera rivoluzione del calcio
La Superlega da oggi ha un volto, questo: è l'inizio della vera rivoluzione del calcio
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni