1.246 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
6 Agosto 2021
14:52

Straordinario Luigi Busà! Medaglia d’oro nel karate, è la nona per l’Italia

Straordinaria medaglia d’oro per Luigi Busà, che ha battuto Rafael Aghayev nella finale del kumite maschile, categoria -75 kg, alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Il podio si completa con l’argento per l’azero e il bronzo per Harspataki e Horuna. È il primo oro olimpico della storia italiana nel Karate e permette alla delegazione azzurra di mettere a segno il record assoluto di medaglie nella storia dei Giochi Olimpici: ora sono 37.
A cura di Vito Lamorte
1.246 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Luigi Busà ha vinto la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Tokyo 2020 nel kumite maschile, categoria -75 kg, battendo in maniera straordinaria l’azero Rafael Aghayev in finale per 1-0. È il primo oro olimpico della storia italiana nel karate. Una sfida di altissimo profilo per la disciplina, visto che i due sono considerati il Maradona e il Pelé del Karate. Il Gorilla d'Avola è stato subito intraprendente e propositivo nell'atto finale, portandosi in vantaggio e dimostrandosi il più forte al mondo di questa specialità. Il podio si completa con l'argento per Aghayev e il bronzo per Harspataki e Horuna.

In semifinale l'azzurro aveva battuto in maniera netta l’ucraino Horuna per 3-0 e nella finale ha sempre avuto il controllo della situazione, puntando molto sull'aspetto mentale della sfida e mostrando una tenuta psicologica superiore a quella del suo avversario. Concentrazione e un piano gara di grande efficacia quello di Busà, che alla fine del match si è lasciato andare ad una esultanza bellissima e dedicata alla sua famiglia: "Mamma, papà ce l'ho fattaaaaaaaaaaaaaaaaa". 

Dopo un’infanzia ed un’adolescenza non semplice a causa dell'obesità, Luigi ha iniziato a praticare il karate e ha trovato una sua dimensione: con sudore, sacrificio e dedizione è arrivato fino alla medaglia d’oro olimpica. Un percorso fantastico per Busà.

Questa vittoria ha una doppia valenza: il nativo di Avola consegna agli azzurri la 37a medaglia a cinque cerchi nella spedizione di Tokyo, facendo segnare il record assoluto nella storia delle Olimpiadi per i colori azzurri con una medaglia in più di Roma 1960 e Los Angeles 1932 (36); e una nuova storia sportiva italiana, visto che oggi il 33enne siciliano ha legato il suo nome ad un traguardo destinato a durare nel tempo e resterà il primo atleta a vincere in questa specialità.

1.246 CONDIVISIONI
466 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni