277 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
28 Luglio 2021
14:31

Roglic mostruoso, velocità fuori controllo: non si accorge neanche del traguardo

Primoz Roglic senza rivali nella crono olimpica di ciclismo, lo sloveno ha conquistato la medaglia d’oro pedalando a una velocità media di 48,2 km/h e imponendo un distacco di 1’01” al secondo classificato. Dopo la caduta e il ritiro dal Tour de France adesso gode per il meritato successo. Tiene in mano il trofeo e quasi la pesa, muovendo l’arto a mo’ di bilancia: “Ho dato tutto, sono andato al massimo dall’inizio alla fine”.
A cura di Maurizio De Santis
277 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Velocissimo. Impossibile stargli dietro. Primoz Roglic ha dominato la crono olimpica di ciclismo conquistando la medaglia d'oro. Lo sloveno ha pedalato a una velocità media di 48,2 km/h e ha imposto un distacco di 1'01" al secondo classificato, Tom Doumoulin, seguito da Rohan Dennis (1'03"). Nulla da fare per Filippo Ganna: la speranza di chiudere a medaglia s'è infranta sull'asfalto. Numeri impressionanti quelli del vincitore, considerati lunghezza del tracciato (44,2 km) e il percorso con oltre 800 metri di dislivello.

È come se avesse corso contro se stesso, concentrato solo sulla strada e sul ritmo della gara. Così deciso nel raggiungere l'obiettivo che, al passaggio sotto il traguardo nemmeno si accorge che la corsa è finita e ha vinto. Le immagini in diretta spiegano bene come la trance agonistica gli giochi uno scherzo: resta incurvato sul manubrio, non rallenta né alza le braccia al cielo. Fila via come un matto e impiega qualche attimo a realizzare che nessuno può più riprenderlo.

Roglic non ha la dinamite nelle gambe, semplicemente ha riversato sull'avventura alle Olimpiadi di Tokyo tutta la rabbia e la voglia di riscatto accumulati in un'annata sfortunata culminata con la caduta (e il ritiro) al Tour de France. E compensata da un successo dorato come il metallo prezioso che stringe tra le dita al momento della premiazione. La tiene in mano e quasi la pesa, agitando l'arto a mo' di bilancia.

In un palmo ha tutta la soddisfazione per una vittoria voluta, cercata, strameritata.  "È una medaglia pesante – ha ammesso lo sloveno mostrando con orgoglio la medaglia al collo – sono orgoglioso e felice di quello che ho fatto. Ho dato tutto, sono andato al massimo dall'inizio alla fine. È la dimostrazione che il lavoro alla fine paga anche se la mia non è stata la stagione migliore". L'oro olimpico cancella ogni cosa. È un ottimo punto di ripartenza, inforcando i pedali e le mani ferme sul manubrio.

277 CONDIVISIONI
467 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni