3.141 CONDIVISIONI
Paralimpiadi
2 Settembre 2021
7:04

Oney Tapia conquista il bronzo nel lancio del disco alle Paralimpiadi

Oney Tapia sale ancora una volta sul podio delle Paralimpiadi di Tokyo 2020. L’atleta italo-cubano concede il bis e conquista il bronzo nel lancio del disco F11 (categoria riservata ai non vedenti) dopo il terzo posto nel lancio del peso. Per gli Azzurri si tratta della 49sima medaglia ai Giochi.
A cura di Maurizio De Santis
3.141 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Paralimpiadi

Oney Tapia ha conquistato la medaglia di bronzo nel lancio del disco classe F11 (categoria riservata agli atleti non vedentei). Per l'italo-cubano è il secondo podio alle Paralimpiadi di Tokoyo 2020 dopo il terzo posto nel lancio del peso. Un risultato che si aggiunge all'argento ottenuto nella stessa specialità in occasione dei Giochi di Rio 2016 e ribadisce il livello tecnico elevato che lo ha visto sfiorare la vittoria (secondo posto) ai Mondiali di Dubai nel 2019. Con il podio di Tapia sale a 49 il numero provvisorio dei titoli ottenuti dalla selezione Azzurra nel Sol Levante con 12 ori, 19 argenti, 18 bronzi.

Al quinto lancio la misura di 39.52 ha consegnato la medaglia al lanciatore italiano. Una performance influenzata in parte, ma è stata condizione comune, dalle condizioni di gara rese proibitive dalla pioggia – a tratti battente – e dalla pedana bagnata. La progressione delle misure aveva lasciato ben sperare: la serie di era iniziata con 38.56, distanza che per l'italo-cubano era stata una sorta di ‘riscaldamento' rispetto al tentativo vero e proprio di strappare il metallo più prezioso. Tapia ci ha provato nel penultimo lancio quando ha tentato il colpo del ‘dentro o fuori' ma s'è dovuto accontentare di salire sul gradino più basso del podio.

Basta dare un'occhiata ai risultati ottenuti dagli avversari che con l'azzurro hanno duellato fino all'ultimo colpo. La medaglia d'oro è andata al brasiliano primatista del mondo, Alessandro Rodrigo Da Silva: suo il record paralimpico realizzato in Giappone con la misura di 43.16. L'argento è stato appannaggio dell'iraniano Mahdi Olad che con 40.60 ha anche fatto segnare il miglior risultato stagionale personale. Un po' più indietro è atterrato il disco scagliato dall'italo-cubano che ha chiuso infilando al collo la seconda medaglia di bronzo.

3.141 CONDIVISIONI
49 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni