L'allenatore dei New England Patriots, Bill Belichick, una sorta di guru della National Football League (NFL), ha rifiutato di accettare la prestigiosissima ‘Presidential Medal of Freedom', ovvero proprio la Medaglia Presidenziale della Libertà assegnata da Donald Trump. Il motivo? L'insurrezione mortale della scorsa settimana al Campidoglio negli Stati Uniti. La medaglia viene conferita dal presidente degli Stati Uniti ed è, assieme alla medaglia d'oro del Congress, il più alto riconoscimento civile degli Stati Uniti.

Viene conferita a coloro che hanno dato un contributo meritevole per la sicurezza o per gli interessi nazionali degli Stati Uniti, per la pace nel mondo, per la cultura o per altre significative iniziative pubbliche o private. Belichick si è detto comunque lusingato di ricevere la medaglia, che rappresenta la più alta onorificenza civile del paese, ma ha detto che i tragici eventi avvenuti la scorsa settimana l'hanno costretto a non andare avanti con il conferimento del premio. Una vera presa di posizione da parte di Belichick che ha allenato i Patriots per 21 anni vincendo anche sei Super Bowls.

Il rifiuto di Bill Belichick a Donald Trump: niente Medaglia presidenziale della libertà

"Recentemente mi è stata offerta l'opportunità di ricevere la Medaglia presidenziale della libertà – ha dichiarato ieri Belichick –  Questo mi ha lusingato molto, ma successivamente si sono verificati i tragici eventi in Campidoglio – ha concluso l'allenatore dei New England Patriots – e si è deciso di non andare avanti con il premio". La Medaglia presidenziale della libertà, in passato, è stata conferita ad altri nomi importanti dello sport come Tiger Woods, Lou Holtz e Gary Player.

Una decisione a sorpresa ma molto significativa da parte di uno degli sportivi più rappresentanti degli USA. Trump già nel 2018 aveva nominato Belichick come leggenda del New England nel suo Council on Sports, Fitness and Nutrition (un evento tenuto da un comitato che lavora per aumentare la partecipazione sportiva tra i giovani di ogni estrazione e abilità e per promuovere stili di vita sani e attivi per tutti gli americani). La motivazione più grande data dal coach dei New England Patriots sul rifiuto alla Medaglia però, sta tutta nelle sue ultime parole sempre in riferimento ai fatti accaduti in Campidoglio: "Sono un cittadino americano con grande rispetto per i valori, la libertà e la democrazia della nostra nazione".