351 CONDIVISIONI
Paralimpiadi
2 Settembre 2021
10:22

Antonio Fantin argento nel nuoto alle Paralimpiadi, medaglia numero 51 per l’Italia

Antonio Fantin ha conquistato la medaglie d’argento per l’Italia. Con il tempo di 4’55″70 l’azzurro è arrivato secondo nella gara dei 400 stile libero (categoria S6) alle Paralimpiadi di Tokyo 2020 alle spalle del brasiliano Talisson Henrique Glock (4’54″42). Bronzo e terzo posto al russo Viacheslav Lenskii.
A cura di Maurizio De Santis
351 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Paralimpiadi

Antonio Fantin ha conquistato l'argento per l'Italia. Con il tempo di 4'55″70 l'azzurro è arrivato secondo nella gara dei 400 stile libero (categoria S6) alle Paralimpiadi di Tokyo 2020 alle spalle del brasiliano Talisson Henrique Glock (4'54″42). Bronzo e terzo posto al russo Viacheslav Lenskii, che ha accumulato un distacco di quasi 11 secondi dal vincitore. È la medaglia numero 51 per il nostro Paese arrivata quasi in contemporanea alla vittoria dell'oro nell'handbike. A distanza di poco tempo diverranno 53 grazie al filotto d'argento perfezionato da Simone Barlaam nei 100 farfalla (categoria S9) e da Stefano Raimondi nei 100 metri dorso (categoria S10). Una mattinata che ha riservato ancora soddisfazioni alla pattuglia del nuoto e alla selezione nazionale che all'alba aveva salutato anche il bronzo di Tapia nel lancio del disco.

La gara è stata caratterizzata dal duello con il sudamericano che ha avuto una partenza migliore e ha saputo gestire meglio il corso della gara, salendo di ritmo e dosando le energie nel migliore dei modi. È nelle battute iniziali della finale per il metallo più prezioso che si delineano le gerarchie con Fantin che stacca la concorrenza e tallona Glock, mentre Lenskii ipoteca il terzo posto nel duello ravvicinato con il connazionale Granichka. Alla prima virata dei 200 metri il testa a testa tra l'italiano il brasiliano entra nel vivo, con l'azzurro che acquisisce un leggero vantaggio.

Al secondo affondo il sudamericano fa valere tutta la propria qualità e, grazie a due grandi subacquee, piazza lo scatto decisivo e acquisisce quel vantaggio che basta per mettere le mani sul primo posto e sull'oro con il tempo di 4'54″42. A completare la classifica arrivano i piazzamenti del messicano Juan Josè Gutierrez Bermudez (+20″81), del portoghese Daniel Videra (+30″50), dell’altro messicano Raul Gutierrez Bermudez (+34″20) e del cubano Lorenzo Perez Escalona (+36″).

351 CONDIVISIONI
49 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni