Dopo il delicato intervento alla testa, il quarto da quando è stato ricoverato in condizioni critiche in seguito al drammatico incidente dello scorso 19 giugno, Alex Zanardi ha passato una notte tranquilla nel reparto di terapia  intensiva neurochirurgica del San Raffaele di Milano: ospedale nel quale l'ex pilota è stato trasferito, dopo una breve permanenza nel centro specialistico di Villa Beretta, a Lecco.

Il quadro clinico di Alex

Le condizioni di Zanardi, a poche ore dalla nuova operazione (necessaria per il trattamento di alcune complicanze tardive dovute al trauma cranico primitivo), sono al momento ancora stazionarie, ma autorizzano gli specialisti dell'istituto milanese che lo stanno seguendo ad essere cautamente ottimisti sul miglioramento del quadro clinico. I valori stabili del campione di handbike sono infatti visti come un segnale positivo dall'equipe di medici che, giorno dopo giorno, monitorano le condizioni del 53enne bolognese.

La moglie e il figlio Niccolò sempre al suo fianco

"Non bisogna esagerare con l’ottimismo ma allo stesso tempo neppure cadere nel peggior pessimismo", ha intanto dichiarato nelle scorse ore, al ‘Corriere della Sera', Robusto Biagioni: il medico d'urgenza dell'elisoccorso che ha di fatto salvato la vita al campione emiliano prestandogli il primo soccorso dopo l'incidente. Sostenuta virtualmente da tutti i tifosi italiani, la moglie Daniela sta intanto affrontando questo delicato momento con ansia e grande coraggio. Sempre vicina al marito, sin da quel maledetto schianto contro un camion nei pressi di Pienza e dal successivo ricovero d'urgenza al Policlinico Le Scotte di Siena, la donna nelle scorse ore ha avuto al suo fianco anche il figlio Niccolò: arrivato a Milano, dopo che nei giorni scorsi era tornato nella sua casa in provincia di Padova.