1.448 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Verissimo 2023/2024

Stefano Tacconi a Verissimo senza stampelle: “Mi sono svegliato una mattina e ho detto via tutto”

Stefano Tacconi è stato ospite di Silvia Toffanin e dopo lunghi mesi di riabilitazione, dopo l’aneurisma che lo colpito nell’aprile 2022, è tornato a camminare.
A cura di Ilaria Costabile
1.448 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Nella puntata di domenica 14 gennaio di Verissimo, tra gli ospiti di Silvia Toffanin c'è stato anche Stefano Tacconi. L'ex campione è stato colpito da un'aneurisma nell'aprile 2022 e dopo tanta fatica, impegno e sofferenza, è ritornato a camminare, come ha dimostrato con la sua emozionante entrata nello studio Mediaset, senza l'ausilio delle stampelle.

La commozione di Stefano Tacconi entrato in studio senza stampelle

È una delle prime interviste in televisione che Stefano Tacconi ha rilasciato dopo il lungo periodo di riabilitazione che ha dovuto affrontare a seguito dell'aneurisma per il quale è andato anche in coma, per un periodo piuttosto lungo, prima di riprendere conoscenza. Ma adesso, come racconta a Silvia Toffanin, le cose stanno lentamente migliorando:

Che fatica, ma va bene così adesso. È stato un bel Natale, con tutta la famiglia siamo stati ospiti di un amico in un ristorante molto carino. Sto meglio, anche se ancora non è la vita di prima, una gamba non mi funziona ancora bene. A febbraio vediamo se mi opererò, deve sciogliersi una vena che è chiusa in tre punti. Non mi ricordo quando è arrivata la trombosi, forse durante il coma. Valuteremo insieme ai dottori la cosa migliore da fare.

Il racconto della riabilitazione

L'ex portiere della Juventus e della Nazionale ha raccontato come sia riuscito, con i dovuti tempi e non senza dover combattere con se stesso, a recuperare pian piano le forze, provando anche a mettere un piede davanti all'altro. Ogni suo sforzo, però, non sarebbe stato lo stesso se non ci fossero stati i suoi familiari a sostenerlo:

Lo spirito è sempre lo stesso, combattivo come in campo. È tutto faticoso, ma lotto. Faccio tanto sport. Mi commuovo più facilmente di prima, vedo la vita in modo diverso perché mi è passata davanti e dei medici bravissimi mi hanno ripreso per i capelli. Avevo tirato un po’ troppo la corda, bisogna ascoltare più il proprio fisico e assecondarlo. Mia moglie e mio figlio Andrea sono i miei badanti. Non fumo e non bevo più. La riabilitazione fa male, ma combatto. Una mattina mi sono svegliato e ho deciso di mollare carrozzina e stampelle, è successo 15 giorni fa.

Una prima parte della riabilitazione, racconta Tacconi, si è svolta in ospedale, ed è stata forse la parte più lunga e dolorosa, della quale parla in questi termini:

Quando vedi le altre persone che sono lì, e che stanno peggio di te, ti rendi veramente conto che l’hai scampata bella. Riguardavo le vecchie partite della Juventus, mi davano la carica. Fare il portiere è un mestiere stressante, se sbagli ti fischiano in 80-90 mila. Meno male che in carriera sono stato spesso bravo, rivedermi tra i pali mi ha aiutato.

In studio, poi, sono entrati anche i figli Andrea e Alberto. I due hanno parlato del sostegno che hanno cercato di trasmettere al padre durante questo periodo nel quale hanno avuto modo anche di viverlo in maniera diversa. Alla domanda di Silvia Toffanin su come sia cambiato Tacconi da quando ha avuto la malattia, risponde Andrea che, però, si fa prendere dall'emozione e dice semplicemente: "Di carattere è migliorato un po' dai, del resto sempre uguale". 

1.448 CONDIVISIONI
167 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views