987 CONDIVISIONI
22 Novembre 2022
23:47

“Mi vergogno sempre un po’ di quello che sono”, il monologo di Arisa a Le Iene

L’intervento di Arisa a Le Iene, con il monologo recitato nella puntata del 22 novembre: “Essere buoni non è un precetto religioso o una roba da sfigati”.
A cura di Andrea Parrella
987 CONDIVISIONI

La Tv dei monologhi riserva un posto anche ad Arisa, la cantante che è stata ospite de le Iene nella puntata del 22 novembre con un suo lungo messaggio, come ormai è diventato prassi del programma di Davide Parenti. Nel suo monologo Arisa si racconta commossa, parlando di sé, del suo rapporto con la bontà e dell'opinione di se stessa: "Fino all’ultimo pensavo di non farcela ad essere qui, perché mi vergogno sempre un po’ di quello che sono e di quello che faccio. Mi sono chiesta: a chi interesserà di me, di quello che racconto o di quello che provo io? Poi però, ho pensato che, infondo, io credo nel mio punto di vista, ha già 40 anni ed è figlio delle persone che amo di più al mondo, del cielo della Basilicata, della terra incastrata sotto le unghie, di tante offese mai rese e di troppi no…ma anche di premi inaspettati, di sorrisi non dovuti, dell’amore semplice, quello più puro".

Il discorso di Arisa prosegue così, tornando ai suoi sogni di bambina: "Fin da bambina sono stata attratta da chi cerca di fare star bene gli altri. Sognavo di essere luminosa come Papa Giovanni Paolo II e di cantare canzoni come "Heal the world" di Michael Jackson, che incita ognuno di noi a rendere il mondo un posto migliore per tutta la razza umana. Quando mi dicevano che non ce l’avrei fatta io non rispondevo nulla, mi chiudevo in camera a pensare più forte, ad architettare la mia luce, e alla fine sono riuscita a brillare per davvero. E quando canto è sempre per la pace e per diffondere amore: mi piace che le persone si sentano accettate con la mia musica". La cantante quindi chiude con un invito alla bontà il suo intervento:

"Essere buoni non è un precetto religioso o una roba da sfigati, ma una scelta consapevole. E la consapevolezza è la cosa più sexy che ci sia. Quando qualcuno mi fa del male – racconta emozionata la cantante – anche se una lacrima mi resta dentro, mi rifiuto di credere che sia fatto apposta, per vocazione. Per questo allontano, ma non odio mai, mi chiedo sempre il perché prendendomi anche metà della colpa. Tutti noi, nel bene e nel male, siamo la conseguenza di qualcosa o di qualcuno, è la comprensione che fa la differenza. Io no, non sono certo una santa, ma conosco la sostanza del mio cuore, e sono certa di essere riuscita a diventare quello che volevo essere da bambina: una persona buona. Cercare sempre di agire per il bene, essendo orgogliosi di sé stessi, potrebbe essere la chiave per la felicità. Non c’è un gene che ammala di depressione se non la coscienza di non fare tutto quello che è in nostro potere per vivere la vita migliore a cui possiamo aspirare. È un lavoro lungo, ma si fa. Se ci sono riuscita io puoi farlo anche tu. Siate buoni e felici".

987 CONDIVISIONI
Il monologo di Nek a Le Iene:
Il monologo di Nek a Le Iene: "Anche le cose brutte si trasformano in opportunità di riscatto"
"Perché quando ti separi devi pensare ai figli", il monologo di Teo Mammucari a Le Iene
"Non sono un maschio alfa, ho accettato la mia fragilità", il monologo di Francesco Arca a Le Iene
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni