2.398 CONDIVISIONI
Amici di Maria de Filippi 2021/2022
8 Maggio 2022
8:50

Le prime parole di Dario dopo l’eliminazione ad Amici 2022: “Mi mancherà convivere con Sissi”

Dario Schirone, ultimo eliminato di Amici, ha spiegato cosa gli mancherà della scuola di Maria De Filippi.
2.398 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Amici di Maria de Filippi 2021/2022

Dario Schirone è l'ultimo eliminato di Amici prima della serata finale del 15 maggio, dove approdano, invece, Sissi, Michele, Luigi, Alex, Albe e Serena. Non ce l'ha fatta il ballerino che all'ultimo istante non ha trovato posto per giocarsi l'eredità di Giulia Stabile, vincitrice dell'edizione 2021 del talent condotto da Maria De Filippi. Le prime parole dopo l'eliminazione le ha detto, come sempre a Witty tv, a cui ha spiegato di non volersi fermare, che questo stop è solo un momento prima della ripartenza: "Ho bisogno di continuare, in realtà, è come se tu saltassi la colazione, il pranzo e la cena, poi a una certa mi viene fame e di morire di fame non ho voglia. Tutto ciò che ho fatto l'ho fatto perché l'ho sentito, anche quando magari ero sotto tono durante le lezioni in sala e l'ho fatto semplicemente perché non mi piace fingere che vada tutto bene, proprio perché questo rapporto con quello che faccio è vero per questo non mi va di fingere. Ho dato tutto quello che potevo, con tutte le sicurezze. Penso di aver agito nel modo più forte".

Il ballerino ha difeso tutto ciò che ha fatto, le cose più o meno belle e ha anche parlato di ciò che maggiormente gli mancherà: gli amici, il pianoforte e Sissi, ovviamente, con cui ha instaurato una bella storia d'amore: "Sono contento di tutte le scelte che ho fatto, dei mie comportamenti, delle mie liti, del mi modo di essere a volte un po' pesante. Mi mancherà cucinare poche volte per tutti, ma quando lo fai ti senti quelli che ti dicono ‘Bravo!'. Poi mi mancherà il convivere con Silvia (vero nome di Sissi, ndr), quello mi mancherà e il pianoforte, poi non so suonare così bene però ci stavo sempre perché mi piaceva,  mi piaceva creare le cose da solo, avere in mano quello su cui io ballo, è come se stessi dipingendo qualcosa. Torno a casa e mi mangio mia madre, mio padre e mio fratello, mi mancano da morire, e poi i miei cani".

Infine Dario ha spiegato che la scuola è stata fondamentale per fargli fare un salto in più, per stimolarlo ad andare oltre: "Stando qua ho sentito la necessità di dovermi sbloccare altrimenti quel passo in avanti in più non lo potevo fare e allora per la prima volta ho recuperato tante cose della mia vita, ho avuto un momento in cui ho riflettuto tanto, mi sono detto la verità di quello che mi è successo, l'ho raccontata e ciascuno è riuscito a darmi un pezzo del puzzle per farmi andare avanti. Mi prometto che sarò sempre vero con me stesso e qualsiasi cosa farò, che sia danza o altro, non mentirò a me stesso facendomi credere qualcosa piuttosto che un'altra".

2.398 CONDIVISIONI
220 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni