186 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Verissimo 2023/2024

Randi Ingerman: “A causa della depressione volevo togliermi la vita, soffro di crisi epilettiche”

Randi Ingerman, ospite della puntata di Verissimo trasmessa domenica 5 novembre, ha parlato del tema della salute mentale: “Vi prego, se ne avete bisogno chiedete aiuto, la salute mentale è tutto”.
A cura di Daniela Seclì
186 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Randi Ingerman è stata tra gli ospiti della puntata di Verissimo trasmessa domenica 5 novembre. La modella e attrice ha affrontato il tema della salute mentale, spiegando di avere sofferto di depressione, stress post traumatico e crisi epilettiche dopo avere vissuto l'enorme dolore della morte del padre e del fratello. Oggi sta un po' meglio.

Randi Ingerman e il trauma della morte del padre e del fratello

"Ho iniziato ad avere crisi epilettiche dopo la scomparsa di mio padre e di mio fratello": ha spiegato Randi Ingerman nel salotto di Silvia Toffanin. La cinquantacinquenne, allora, ha raccontato gli episodi dolorosi che l'hanno colpita fino a compromettere il suo stato di salute: "Mio padre ha avuto un infarto da cui si salvò, ma poi per un errore medico finì in coma. Mio fratello è morto di overdose, due anni dopo aver perso sua figlia all'età di nove mesi". Così, la malattia ha iniziato a manifestarsi nella vita di Randi Ingerman.

A Verissimo l'attrice parla dei suoi problemi di salute

Randi Ingerman, allora, ha raccontato come si è manifestata la malattia: "Ho iniziato a svenire. Mi svegliavo per terra. Ho cercato di fare finta di niente finché sono svenuta nel bagno turco e mi sono ustionata perché sono finita nel punto da cui esce il vapore. Ho subito due interventi per l'ustione di terzo grado". Così, è iniziato un periodo molto difficile, in cui la cinquantacinquenne ha dovuto fare i conti con seri problemi di salute: "Soffrivo di stress post traumatico, ho lottato contro la depressione. Uscita dall'ospedale ho pensato di togliermi la vita. Te lo dico, sono arrivata a quel punto. Vi prego, chiedete aiuto, la salute mentale è tutto. Se uno non si sente bene, i figli, i cugini, gli amici devono aiutarlo. C'è speranza nella vita". Oggi sta meglio:

Sto bene, anche se ho ancora le crisi epilettiche perché purtroppo non rispondo al farmaco. Però ho ritrovato l'amore e mi sto godendo l'affetto delle persone che mi vogliono bene. Cerco di stare bene e, quando non sto bene, ora so cosa devo fare.

186 CONDIVISIONI
167 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views