10.925 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 13 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 5 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
24 Settembre 2022
11:21

Pino Insegno: “Mi criticano per come ho introdotto Giorgia Meloni? Sti caz*i, è una donna perbene”

Pino Insegno replica alle critiche che gli sono piovute addosso dopo la presentazione trionfale di Giorgia Meloni in piazza del Popolo: “Mi criticano perché ho introdotto il comizio della Meloni? Sti ca…, lo fanno anche perché sono della Lazio”.
A cura di Eleonora D'Amore
10.925 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

"Verrà il giorno della sconfitta, ma non è questo”, con questa citazione tratta da Il signore degli anelli l'attore Pino Insegno aveva presentato sul palco Giorgia Meloni giovedì sera a piazza del Popolo, dando il via all’ultimo comizio prima delle Elezioni Politiche 2022. Una presentazione dal tono trionfale che non ha convinto, a tal punto da scatenare una vera e propria shit storm a suo carico.

Critiche e insulti, accuse di piaggeria a fini lavorativi, che Insegno ha rispedito energicamente al mittente parlando con La Repubblica:

Mi criticano perché ho introdotto il comizio della Meloni? Sti ca…, lo fanno anche perché sono della Lazio. Io non sono un influencer sono un attore, doppiatore e formatore molto bravo, che vive nel rispetto degli altri perciò non ho problemi a dichiarare le mie preferenze politiche. Dobbiamo essere tutti uguali?

E ancora: "Giorgia è una donna perbene e non è un'estremista. Non è una persona che vuole proibire agli omosessuali di vivere e o ai neri di non esistere".

È un momento caldo per la politica che spesso si trova a intercettare consensi o forti attacchi da parte di artisti del mondo della musica o del cinema. Schieramenti più o meno palesi, desiderio di rimanere ai margini del discorso, come l'affair Laura Pausini con la canzone Bella Ciao, distanze nette da posizioni che si sentono distanti anni luce, come quella di Procacci – Accorsi – Ligabue contro la Lega per l'uso di Radiofreccia, e infine la semplice volontà di richiamare l'attenzione su un dialogo che possa prescindere l'aggressione fisica o verbale, nella totale difesa delle idee personali (Giorgio Pasotti ha parlato di "accanimento barbaro" contro la Meloni che, indipendentemente dal credo pubblico, dovrebbe essere una donna da rispettare).

10.925 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni