307 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2023

Testo e traduzione di ‘O mar for, la canzone della serie Mare Fuori cantata da Matteo Paolillo

Il testo di O’ mar for, la canzone della serie Mare Fuori cantata da Matteo Paolillo. Il significato e il video della colonna sonora della serie di Raiplay che è arrivata alla terza stagione grazie all’enorme successo su Rai 2 e in streaming.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Cristina Somma
307 CONDIVISIONI
Matteo Paolillo in Mare Fuori
Matteo Paolillo in Mare Fuori
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2023

Il cast di Mare Fuori 3 sarà ospite di Sanremo 2023 durante la serata delle cover che si terrà il 10 febbraio. Gli attori saranno chiamati sul palco a cantare O mar for, canzone ufficiale della serie di Rai 2, scritta dal compositore Stefano Lentini con Lolloflow e Raiz, cantata da Icaro, nome d'arte di Matteo Paolillo, che nella serie interpreta un detenuto del carcere minorile di nome Edoardo. La serie infatti racconta le vicende di un carcere minorile immaginario, probabilmente ispirato a quello presente a Napoli, nella piccola isola flegrea. Di seguito il testo, la traduzione e il significato della colonna sonora di Mare Fuori.

Perché la canzone si intitola ‘O mar for

A Fanpage.it, Matteo Paolillo spiegò il perché di questo titolo: "Il mare fuori è la libertà fuori dalla prigionia, è la speranza di poter vedere quel mare senza le sbarre che gli fanno da contorno. Ascoltando questa canzone alcuni ragazzi mi hanno detto che hanno trovato la forza di affrontare i momenti più difficili in carcere. Per me è stato un grandissimo orgoglio, credo sia questo lo scopo dell’arte".

Il significato di ‘O mar for, la sigla della serie

Il testo rimanda al carcere giovanile in cui è ambientata la serie che, seppure il nome è inventato, rimanda a quello di Nisida. La canzone è cantata da Matteo Paolillo, che nella fiction interpreta un giovane detenuto del carcere minorile Edoardo. Nel brano l'artista canta in prima persona, ripercorre la vita di un giovane dietro le sbarre. Racconta le lacrime della madre e ciò che l'ha costretto a concedersi alla malavita. Spiega le paure e le fragilità di chi spera, anche attraverso atti illeciti, di ottenere soldi facili per consentire alla famiglia di vivere meglio. Il protagonista della canzone però è stato preso dalla polizia, si trova dietro le sbarre ed è da lì che non vede più "il mare fuori", ma sa che c'è. Un duplice significato, quindi, che non solo rimanda all'idea del mare come ricordo da dietro le sbarre, ma anche a quella concezione di libertà a cui si aggrappa il detenuto per darsi forza, ripetendosi ogni giorno "non preoccuparti, fuori c'è ancora il mare".

Il testo della canzone di Mare Fuori

Appiccio n'ata sigaretta
Allà ce sta mammà che chiagne, nun dà retta
Cu ‘sta fatica mo c'accattammo pure ‘a Reggia ‘e Caserta
So' cresciuto ‘mmiez'a via, ‘o ssaccio chello che m'aspetta (Ehi)
Nu guaglione d"o sistema mo puó sistemá tutte cose
‘Mmiez'a via è meglio a tené ‘e fierro o a vennere ‘e rrose
Patemo sta carcerato, songo l'ommo ‘e casa
Levace ‘e mane a cuollo ca chillo m'è frate
E me fa male ‘o core, ‘o ssaje pure tu (Pure tu)
Nun cе vaco a scuola, no, ma', nun ce vaco cchiù
Acchiappo na carriola cu nu chilo ‘e fumo
‘O mare mo sta forе, nun ‘o pozzo vedé cchiù

Nun te preoccupá, guagliò
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Aret"e sbarre, sott"o cielo
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore

Nun te preoccupá, guagliò
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Aret"e sbarre, sott"o cielo
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore

Diceno ca mille culure, aggio visto sulo ‘o grigio
Dint'o cortile ‘e guagliune se fanno n'ata striscia
Tutt"e juorne uguale, voglio ascí (Voglio ascí)
O moro ccà dinto o moro acciso
‘A capa me fa male, nun arriva a capí (Nun c'arriva)
Si so' nato ccà, qual è ‘a colpa mia?
M'hanno miso ‘o fierro ‘mmano e me hanno ditto: "Spara"
Napule a ccà dinto pare assaje luntana
Tutt"e juorne penzo: "C'aggio fatto ‘e male?"
Tutt"e juorne, tutt"e juorne penzo ô mare

Nun te preoccupá, guagliò
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Aret"e sbarre, sott"o cielo
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore

Nun te preoccupá, guagliò
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Aret"e sbarre, sott"o cielo
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Nun te preoccupá, guagliò
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Aret"e sbarre, sott"o cielo
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore

Nun te preoccupá, guagliò
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore
Ce sta ‘o mare fore

La traduzione di ‘O mar for

Accendo un'altra sigaretta
Di là c'è mamma che piange, non ci pensare!
Con questo lavoro ora ci compriamo pure la Reggia di Caserta
Sono cresciuto per strada, so quello che mi aspetta
Un ragazzo ‘del sistema' (riferito alla malavita, ndr), ora può sistemare tutto
Per strada è meglio avere le pistole o vendere le rose
Mio padre sta in carcere, io sono l'uomo di casa
Togli le mani da dosso a quello che è come fosse mio fratello
E mi fa male il cuore, lo sai anche tu (anche tu)
Non ci vado a scuola, no, mamma non ci vado più
Acchiappo una carriola con un chilo di fumo
Il mare adesso sta fuori, non posso vederlo più

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Dicono abbia mille colori
Ho visto solo il grigiore (nanananana)
Nel cortile i ragazzi
Si fanno un'altra striscia

Tutti i giorni uguali, voglio uscire (voglio uscire)
O muoio qua dentro, o muoio ucciso
La testa mi fa male, non arriva a comprendere
Se sono nato qua, qual è la mia colpa?
Mi hanno messo in mano la pistola e mi hanno detto "spara"!
Napoli qua dentro sembra molto lontana
Tutti i giorni penso "che ho fatto di male?"
Tutti i giorni penso al mare (penso al mare)

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

307 CONDIVISIONI
713 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni