1.672 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2022
6 Febbraio 2022
2:27

Sanremo 2022, Massimo Ranieri dedica il Premio della Critica ai migranti: “Lo sono stato anche io”

Massimo Ranieri è il vincitore del Premio della Critica Mia Martini con il brano Lettere al di là del mare: il cantautore ha dedicato il riconoscimento alle vittime dell’immigrazione.
A cura di Gaia Martino
1.672 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2022

Massimo Ranieri è il vincitore del Premio della Critica Mia Martini al Festival di Sanremo 2022 con la canzone Lettera al di là del mare. Alla 72esima edizione della kermesse il cantautore ha ritirato il premio attribuitogli dalla stampa: lo ha dedicato a tutti i migranti morti in mare.

Massimo Ranieri dedica il Premio della Critica alle vittime dell'immigrazione

Il vincitore del Premio della Critica Mia Martini ha dedicato il prestigioso riconoscimento a tutte le vittime morte in mare. Queste le sue parole di ringraziamento:

Sono stato emigrante anche io e ascoltando questa canzone ho ricordato quando mi sono imbarcato. La cosa che mi ha terrorizzato è stato l'Oceano Atlantico, a 13 anni, per me sono stati cinque giorni di mare terrificanti. Di mattina sembrava che il mare toccasse il cielo, io ero terrorizzato ma felice, poi siamo sbarcati in America a fare la tournée. Con questa canzone, drammaticamente ancora attuale, tutte le volte penso ai poveri cristi che di notte viaggiano sui barconi, al freddo, tra le intemperie, senza mangiare e senza acqua. Perciò quando me l'hanno proposta non ci ho pensato un attimo a dire sì, pensando a chi viene in Europa in cerca di una casa, di affetto e di coesione.

L'esperienza da migrante di Massimo Ranieri

Massimo Ranieri in un'intervista a Radio Norba ha raccontato della sua esperienza da migrante: ha confessato di essersi commosso quando ha letto il testo della canzone presentata a Sanremo 2022.

Mi sono tornate alla mente le mie esperienze da migrante, il primo viaggio in America in cui ero con Sergio Bruni, monumento della canzone napoletana. Ricordo che io ero giovanissimo e mi imbarcai su questa grande nave, la Cristoforo Colombo. Dall’alto vedevo mamma, papà, i miei fratelli che piangevano, tutti con il fazzoletto in mano.Ricordo benissimo il dolore di andare verso l’ignoto, perché si stava una settimana in mare, nell’oceano dove anche una nave così grande sembrava una barchetta a remi. I ragazzi oggi partono in aereo con uno zainetto sulle spalle e vanno dove vogliono, per fortuna. Per me è stato diverso e questa canzone ha risvegliato i miei ricordi.

Il significato di Lettere al di là del mare

La canzone di Massimo Ranieri al Festival di Sanremo 2022 raccoglie il sentimento di solitudine e di paura di chi, come lui, è il protagonista di un viaggio di speranza. Con il suo brano il cantautore tocca un tema importante, quello dell'immigrazione e per questo ha dedicato il riconoscimento a tutte le vittime morte in mare. Questo il testo:

La notte non finisce mai
l'America.. lontana
di là dal mare.
Dove piove fortuna, dov'è libertà
l'acqua è più pura di un canto.
Ed è silenzio tra due sponde
la terra un sogno altrove.
Ma in un punto del viaggio la pioggia cadrà
su ogni paura ed oltraggio.
Amore vedi così buio è
questo mare
troppo grande per
non tremare.
E poi si sta
col fiato a metà
e tutti tacciono e tanti pregano
se il Signore vorrà…
E il passo perde il tempo
e niente sembra vero
Mai nessun temporale lavare potrà
Le nostre ferite dal sale
Amore vedi così buio è
questo mare
troppo grande per
non tremare
Quasi giorno ormai
poi il tempo si ferma
qualcuno grida terra, terra, terra!
Amore vedi così buio è
questo mare
è ferita che
non scompare.
Dove va il tempo chissà
e gli occhi tacciono
ma a notte sognano il motore che va.

1.672 CONDIVISIONI
572 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni