416 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo
17 Gennaio 2023
8:35

L’altro Sanremo 2023 è quello degli autori: Damiano David, Zanotti, Calcutta e Bianconi

Damiano dei Maneskin, Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari, Bianconi dei Baustelle, ma anche Calcutta, Bianco e LRDL, il parco autori di Sanremo 2023 è ricco di star.
A cura di Francesco Raiola
416 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo

Amadeus è stato chiaro e ha detto che chi volesse salire sul palco del Teatro Ariston, per partecipare al Festival di Sanremo, avrebbe dovuto farlo in gara, a meno che non avesse più di 70 anni, allora poteva aspettarsi una chiamata come ospite in una delle serate. Il conduttore e direttore artistico, insomma, ha chiaramente detto che quel palco non può essere solo vetrinaquel palco non può essere solo vetrinaquel palco non può essere solo vetrina, ma per salirci e farsi promozione bisogna sporcarsi le mani e i numeri di questi ultimi anni gli hanno permesso questa prova di forza: dai Maneskin a Mahmood e Blanco passando per tantissime hit il Festival ha ritrovato definitivamente, ormai, la sua dimensione e il suo ruolo di trascinatore del discorso musicale mainstream del Paese, confermandosi, al contempo, anche come lo spazio televisivo più ambito.

Chiara Ferragni, Marco Mengoni, Giorgia, Ultimo, sono solo alcuni dei nomi che quest'anno saranno ospiti della manifestazione. Eppure esiste una sorta di Festival nel Festival che porta comunque nomi importanti della musica italiana che quel palco lo ha visto in passato oppure non l'ha proprio mai visto. No, non stiamo parlando della serata dei duetti, che pure porta un minimo di visibilità a chi salirà sul palco coi vari artisti, ma del parco autori di cui si fregia questa edizione, con nomi che hanno scritto la storia contemporanea della musica italiana e che probabilmente non vedremo mai in gara. In questi ultimi anni, parimenti alla figura del producer, anche quella dell'autore sta vivendo una nuova vita, soprattutto da quando i grossi nomi stanno scrivendo per terzi. Novità per alcuni, costante per altri che in questi anni hanno acquisito sempre più riconoscibilità.

E quest'anno il parterre degli autori delle 28 canzoni in gara è oltremodo ricco e ai nomi che in questi anni hanno costruito le basi del nuovo pop nazionale, quindi artisti come Davide "Tropico" Petrella e Federica Abbate, Re Mida dell'autorato nostrano, Paolo Antonacci,l Jacopo Ettorre, Davide Simonetta, tra gli altri, si aggiungono anche nomi noti anche al grande pubblico per avere progetti noti anche al di fuori della scrittura per terzi. C'è, infatti, Damiano David, leader dei Maneskin, per esempio, che firma il brano di Mara Sattei (e che con il produttore thasup – fratello della cantante – forma un team esclusivo), oppure Calcutta che co-firma la canzone che porterà Ariete sul palco.

La firma di Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari si sente molto forte nella canzone che porterà Leo Gassmann, così come si sente forte la scrittura de La Rappresentante di Lista per quella dei Cugini di Campagna, mentre a scrivere la canzone di Anna Oxa è arrivato Francesco Bianconi, leader dei Baustelle e autore di canzoni come "Bruci la città" di Irene Grandi, mentre il cantautore Bianco co-firma il testo della canzone di Giorgia.

416 CONDIVISIONI
162 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni