23.572 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2022
2 Febbraio 2022
22:00

Il testo e il significato di Ovunque Sarai, la canzone di Irama a Sanremo 2022

Ecco il testo e il significato di Ovunque Sarai, la canzone con la quale Irama si presenta a Sanremo 2022 dopo la partecipazione della scorsa edizione.
A cura di Vincenzo Nasto
23.572 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2022

Dopo la sfortunata mancata esibizione del 2021, Irama si ripresenta al Festival di Sanremo 2022 con una veste completamente nuova con il brano "Ovunque sarai", classificandosi al 4° posto dopo la serata cover. Il suo singolo si discosta nettamente da "La Genesi del tuo colore", brano con cui ha conquistato il quinto posto, anche senza esibirsi, con una registrazione delle prove a prendere il suo posto sul palco a causa di un contatto con una persona positiva al Covid-19. Il titolo del brano annunciato durante la finale di Sanremo Giovani 2021, lo porterà a confrontarsi per la terza volta come concorrente Big del Festival, in una sua rappresentazione quasi poetica. Infatti vengono abbandonate le casse e il vocoder spinto della scorsa edizione, per far spazio ad archi e pianoforte, per una ballad romantica, un rifacimento poetico-musicale che rende omaggio al sonetto.

Il testo di Ovunque Sarai

Se sarai vento canterai
Se sarai acqua brillerai
Se sarai ciò che sarò
E se sarai tempo ti aspetterò per sempre
Se sarai luce scalderai
Se sarai luna ti vedrò
E se sarai qui non lo saprò
Ma se sei tu lo sentirò
Ovunque sarai
Ovunque sarò
In ogni gesto io ti cercherò
Se non ci sarai io lo capirò
E nel silenzio io ti ascolterò
Se sarò in terra mi alzerai
Se farà freddo brucerai
E lo so che mi puoi sentire
Dove ogni anima ha un colore
E ogni lacrima ha il tuo nome
Se tornerai qui, se mai, lo sai che
Io ti aspetterò
Ovunque sarai
Ovunque sarò
In ogni gesto io ti cercherò
Se non ci sarai io lo capirò
E nel silenzio io ti ascolterò
Io ti ascolterò
Se sarai vento canterai

Il significato di Ovunque Sarai

Se con "La genesi del tuo colore" l'obiettivo era far ballare il pubblico a casa della passata edizione del Festival di Sanremo, il nuovo singolo di Irama, arrivato alla terza partecipazione da concorrente Big, "Ovunque Sarai" ha un effetto opposto. Il brano, che vede le musiche di Giulio Nenna, Vincenzo Luca Faraone e Shablo, è una ballad romantica che omaggia l'arte della poesia, con l'anafora di "Se Sarai" presente nelle liriche. La persona scomparsa a cui si rivolge Irama rappresenta gli elementi della terra, rifacendosi ai tratti identitari dello stilnovismo italiano, la forza dell'acqua e del vento che si spengono dove l'artista inizia. Presente anche il tema del viaggio, del ritorno e dell'attesa, del luogo che diventa uno spazio orizzontale in cui tutti sostano in attesa della propria persona. Gli ultimi versi elogiano anche il suono del silenzio, molto più rumoroso e riconoscibile secondo il cantante, di quanto normalmente venga percepito. È una canzone sulla perdita, come il cantante ha spiegato a Fanpage.it: "Sono salito sul tetto di questa casa e ho parlato a una persona che non c'è più".

23.572 CONDIVISIONI
569 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni