Le diete miracolose, evidentemente, rischiano di diventare oracoli senza fedeli se, per dimagrire velocemente, si è disposti ad ingoiare un verme. E' successo negli Stati Uniti, precisamente nell'Iowa, dove una donna ha confessato al proprio dottore di aver acquistato via Internet una tenia, il famoso verme solitario che "colonizza" l'intestino dell'ospitante. Si tratta di un parassita che solitamente viene assunto dall'uomo ingerendo carne poco cotta di maiale o di manzo. Raramente può arrivare nell'intestino dell'uomo attraverso il pesce, nel qual caso può superare nel suo ciclo parassitario anche i 10 metri di lunghezza. In realtà la tenia, più che comportare una riduzione del peso, causa anemia e malnutrizione, ma la speranza della donna era quella di poter essere sfibrata e "prosciugata" dal verme.

Lo stupore del dottore è stato tale che si è sentito in dovere di chiamare il Dipartimento di stato di salute pubblica per raccontare la vicenda e chiedere consiglio. Allo sbigottito dottore è stato suggerito l'iter standard, ovvero la somministrazione di un farmaco idoneo alla sverminazione. La comunicazione al Dipartimento ha tuttavia generato una circolare interna rivolta agli addetti del settore, nella quale la dott.ssa Patricia Quinlisk, direttore medico del Dipartimento dell'Iowa di salute pubblica, ha ricordato che "l'ingestione delle tenie è estremamente rischiosa e può causare un ampio ventaglio di possibili effetti indesiderati, inclusi casi rari di morte". Chi desidera perdere peso, ricorda ancora la direttrice, deve affidarsi ai metodi classici: "mangiare di meno e fare più attività fisica".

[Foto da Wikipedia]