Coronavirus
3 Luglio 2021
13:03

Vaia (Spallanzani): “Con variante Delta vaccino funziona, non è più pericolosa altre varianti”

All’appuntamento con i richiami del vaccino per la fascia d’eta Junior, il direttore scientifico dello Spallanzani Francesco Vaia ha sottolineato come quella Delta “è una delle tanti varianti” e che al momento “non è più preoccupante rispetto alle altre”, rassicurando anche sull’efficacia del vaccino.
A cura di Redazione Roma
Francesco Vaia, direttore sanitario istituto Spallanzani
Francesco Vaia, direttore sanitario istituto Spallanzani
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Francesco Vaia, direttore scientifico dell'ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma, è tornato a parlare della campagna vaccinanale oggi a margine della prima giornata dei richiami del vaccino Pfizer nell'Open Day Junior. In particolare sulla variante Delta della Covid-19 ha sottolineato come questa "è una delle tanti varianti" e che al momento "non è più preoccupante rispetto alle altre". Vaia ha anche rassicurato sull'efficacia del vaccino nei confronti della variante: "Da sottolineare il dato che sono 37 su 106 tamponi positivi sottoposti a sequenziamento e di queste il 5 per cento sono vaccinati in seconda dose. Noi ci aspettiamo un'efficacia del vaccino del 92-93 per cento e siamo al 95 per cento, significa che siamo ad un'efficacia molto alta". .

"Non ci sono vaccini di serie A e di serie B"

L'unica strategia dunque è continuare la campagna di vaccinazione nel modo più efficace possibile.  "Tutti i vaccini sono buoni.  – ha sottolineato Vaia –  Ai fini soprattutto della prevenzione della malattia e tutti i vaccini posso dare delle reazioni avverse. Quindi non c'è una classifica da fare di serie A o di serie B. Questo virus è come quel pugile che è alla resa, stiamo per dargli il colpo del ko. Glielo daremo se continuiamo con questa campagna vaccinale". "Aggiungiamo che c'è una sintomatologia molto scarsa e questo ci dice che non dobbiamo preoccuparci delle varianti. Il virus muterà sempre ed è già cambiato, non può essere questo l'elemento dirimente rispetto alla strategia che viene rafforzata: vaccinare vaste aree di popolazione", ha spiegato Vaia.

D'Amato: "Variante Delta si combatte con vaccinazione"

Due punti, l'utilizzo di tutti i vaccini a disposizione e la necessità di estendere e velocizzare la campagna vaccinale contro le varianti, su cui si è detto d'accordo anche l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, anche lui presente all'Open Day.
"Tutti i vaccini, ovviamente completando il percorso vaccinale, consentono di coprire l'effetto di questa variante . È importante quindi accelerare – ha sottolineato D'Amato -. Noi abbiamo richiamato tutti gli over 60 anticipando AstraZeneca a 56 giorni. Stiamo promuovendo molto anche in maniera pro attiva Johnson". Infatti "ieri con una pubblicazione sul New York Times, abbiamo visto che contrasta la variante. Dobbiamo quindi utilizzare tutte le armi a nostra disposizione".

Vaia: "Allo stadio solo con doppia dose"

Rispetto alla riapertura degli stadi e dei pubblici eventi, il direttore dello Spallanzani ha ricordato di essere favorevole, ma alla condizione che tutti gli spettatori abbiano ricevuto entrambe le dosi di vaccino: "Sugli europei ho promosso e sottoscritto questo protocollo per la riapertura come consulente della FIGC per la riapertura del campionato e quello per gli europei. Ero e resto favorevole. Noi dobbiamo aprire e allo stadio non devono venire persone che non sono vaccinate in seconda dose".

25860 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni