Per la prima volta il Lazio ha raggiunto (nella giornata di ieri, 15 aprile, il traguardo delle 30mila vaccinazioni giornaliere. Ha realizzato, quindi, l'obiettivo richiesto dal commissario straordinario per l'emergenza Coronavirus, il generale Francesco Paolo Figliuolo, per la settimana compresa tra il 16 aprile e il 22 aprile. Complessivamente si punta a raggiungere le 315mila vaccinazioni in media al giorno per un totale di 2,2 milioni di dosi inoculate in sette giorni su tutto il territorio italiano. Nello specifico, per il Lazio si tratta di raggiungere 30mila somministrazioni in media al giorno per un totale di 210mila vaccinazioni a settimana. La domenica, ricordiamo, il numero delle vaccinazioni è più basso, quindi nei giorni feriali il Lazio dovrebbe superare quota 30mila di qualche migliaio per centrare l'obiettivo di Figliuolo. Il generale ha annunciato più volte che l'obiettivo per maggio è arrivare a 500mila somministrazioni giornaliere che per il Lazio significa 50mila vaccinazioni.

Quanto sta vaccinando ogni giorno il Lazio

Dalla giornata di ieri, come del resto aveva annunciato l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, il Lazio ha cambiato marcia: è passato da circa 22mila somministrazioni in media al giorno a più di 30mila. Nello specifico, analizzando i dati del governo, sono state inoculate 1.977 dosi di Moderna, 23.294 dosi Pfizer e 4.833 dosi AstraZeneca. Sono state somministrate quasi 20mila prime dosi e 10mila seconde dosi. Ieri gli over 80 hanno ricevuto 9.500 dosi (circa metà prime dosi e metà richiami. Sono state utilizzate soltanto dosi Pfizer e Moderna). Gli over 70 hanno ricevuto 11mila dosi (900 Moderna, quasi 9mila Pfizer e 1500 AstraZeneca). Gli over 60 sono 6.300 (64 Moderna, 3mila Pfizer e 3mila AstraZeneca). Di questi, 1000 sono classificati come operatori sanitari.

Somministrazione vaccini nel Lazio
in foto: Somministrazione vaccini nel Lazio

Escluso ieri (come detto sono state superate le 30mila vaccinazioni) il Lazio somministrava in media circa 23mila dosi al giorno. Il picco era stato toccato il 9 aprile con 26mila dosi, mentre il giorno in cui sono state inoculate meno dosi è stato domenica 11 aprile. Ogni giorno vengono inoculate circa 16mila dosi di vaccino Pfizer, 5mila dosi di vaccino AstraZeneca e 1800 dosi di vaccino Moderna.

Le conseguenze dello stop a vaccino Johnson&Johnson

Lo stop provvisorio del vaccino Johnson&Johnson ha già provocato delle conseguenze sulla campagna vaccinale: nel Lazio sarebbero dovute arrivare 18mila dosi. Diecimila sarebbero servite per vaccinare la popolazione carceraria, ma le restanti 10mila sarebbero servite per inaugurare i due nuovi centri vaccinali di Valmontone e Tor Vergata, la cui apertura è stata posticipata.