1.927 CONDIVISIONI
L'omicidio di Willy Monteiro Duarte a Colleferro
9 Dicembre 2020
7:22

Omicidio Willy, arrestati per droga i fratelli Marco e Gabriele Bianchi

L’operazione, scattata all’alba questa mattina, coinvolge sei persone. I fratelli Marco e Gabriele Bianchi erano già in carcere per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, il 19enne ucciso di botte a Colleferro lo scorso 6 settembre. Sono accusati di far parte di un gruppo di spacciatori che opera nella zona di Velletri, Artena e nei comuni limitrofi.
A cura di Natascia Grbic
1.927 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Willy Monteiro Duarte a Colleferro

I carabinieri del Comando provinciale di Roma stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per sei persone, accusate a vario titolo di tentata estorsione, detenzione e spaccio di droga. Tra queste ci sono anche i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, già detenuti in carcere per l'omicidio di Willy Monteiro Duarte. Le indagini dei militari nella zona di Velletri, Lariano, Artena e i comuni limitrofi, hanno fatto luce su un giro di spaccio che coinvolge diverse persone, tutte accusate di far parte dello stesso gruppo. Il modus operandi era semplice: oltre a dover piazzare la droga nelle piazze, intimorivano e picchiavano chi contraeva debiti. Il provvedimento è stato notificato ai fratelli Bianchi questa mattina in carcere, mentre le altre quattro persone sono state raggiunte nelle loro abitazioni.

I fratelli Bianchi già in carcere per omicidio

I fratelli Bianchi sono stati arrestati lo scorso 6 settembre perché accusati di aver ucciso, insieme a Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, il 19enne Willy Monteiro Duarte.A seguito di un litigio nato per questioni futili tra Belleggia, Pincarelli, e un altro gruppo di giovani, è scattato un brutale pestaggio, per il quale sono stati chiamati i due fratelli. Lottatori esperti, professionisti della MMA, sono corsi in piazza Oberdan a bordo del loro Suv: una volta scesi dalla macchina, hanno cominciato a menare pugni e calci dappertutto. Come se si trovassero sul ring: ma davanti non avevano lottatori come loro, non c'erano persone con il loro peso, stazza, e con la stessa dimestichezza nelle arti marziali. E così, secondo la ricostruzione dell'accusa, hanno preso Willy, intervenuto per aiutare un amico in difficoltà, e l'hanno pestato a morte, colpendolo con calci e pugni.

Willy Monteiro
Willy Monteiro

Alle spalle denunce per droga e lesioni

Dopo il loro arresto, è emerso che i fratelli Bianchi erano già noti alle forze dell'ordine. Con diverse denunce alle spalle per droga e lesioni nei confronti di altri malcapitati che hanno avuto la sfortuna di incrociarli, è venuto fuori sin da subito che i loro nomi erano conosciuti nella zona. Secondo diversi giovani ascoltati da Fanpage.it, i Bianchi lavoravano come ‘recupero crediti' per conto di alcuni spacciatori nella zona. Chi non pagava, veniva minacciato e picchiato dai due. Non solo: diversi ragazzi hanno testimoniato di essere stati presi di mira, insultati e menati dai fratelli, che agitavano i pugni se pensavano di aver ricevuto anche solo uno sguardo di troppo.

1.927 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni