Omicidio Luca Sacchi ucciso a Roma
30 Aprile 2021
9:44

Omicidio Sacchi, parla Paolo Pirino: “Ho spinto Anastasiya, ma non eravamo lì per uccidere”

Nell’udienza del processo che si è tenuto il 29 aprile per l’omicidio di Luca Sacchi, Paolo Pirino ha preso le distanze da Valerio Del Grosso dichiarando che la sera del 23 ottobre non erano andati lì per uccidere e che non sapeva l’amico avesse una pistola. “La sua è stata un’iniziativa personale”, ha aggiunto.
A cura di Natascia Grbic
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Luca Sacchi ucciso a Roma

"Sì, ho colpito Anastasiya alle spalle ma in modo leggero, dovevo solo spaventarla per prendere lo zaino. Poi mi sono ritrovato a terra spinto da non so chi, e Del Grosso ha fatto fuoco ma non so perché". Lo ha dichiarato in aula Paolo Pirino, imputato insieme a Valerio Del Grosso e Marcello De Propris nel processo per l'omicidio di Luca Sacchi. Le sue parole sono state riportate da Il Corriere della Sera. Il ragazzo, accusato di concorso in omicidio volontario, ha dichiarato che lui e Del Grosso non erano "lì per uccidere e neanche sapevo che Valerio Del Grosso fosse armato. La sua è stata una iniziativa personale". Pirino ha preso quindi le distanze dall'amico, colui che nella notte tra il 23 e il 24 ottobre 2019 ha materialmente ucciso con un colpo di pistola alla testa Luca Sacchi.

Il ruolo di Pirino nell'omicidio Sacchi

Paolo Pirino è stato arrestato insieme a Valerio Del Grosso il giorno dopo l'omicidio di Luca Sacchi. Si era nascosto nel terrazzo di casa della nonna, ma era braccato ormai da ore dalle forze dell'ordine, che poi hanno proceduto all'arresto. La sera prima era andato insieme all'amico al quartiere Appio, dove aveva appuntamento con il gruppo di Giovanni Princi, Luca Sacchi e Anastasiya Kylemnyk. Secondo quanto ricostruito dall'accusa, nello zaino di Anastasiya c'erano 70mila euro per comprare quindici chili di marijuana. Una compravendita concordata da Princi, già condannato a quattro anni per droga. Pirino e Del Grosso avevano progettato di rapinare il gruppetto e non dargli la quantità di marijuana concordata: per questo Pirino ha colpito Anastasiya con una mazza da baseball, mentre Luca Sacchi tentava di difenderla. Ed è a quel punto che Del Grosso è sceso dall'auto, ha sollevato il braccio con la pistola e ha fatto fuoco. Luca Sacchi morirà qualche ora dopo in ospedale, nonostante i tentativi dei medici di salvargli la vita.

155 contenuti su questa storia
Omicidio Luca Sacchi, intercettazioni smentiscono Del Grosso: "Ho sparato per fargli sentire il botto"
Omicidio Luca Sacchi, intercettazioni smentiscono Del Grosso: "Ho sparato per fargli sentire il botto"
Omicidio Luca Sacchi, la versione del killer: "Non mi ha visto quando gli ho sparato"
Omicidio Luca Sacchi, la versione del killer: "Non mi ha visto quando gli ho sparato"
Il ruolo di Simone Piromalli, morto ieri in incidente, nel processo sull'omicidio di Luca Sacchi
Il ruolo di Simone Piromalli, morto ieri in incidente, nel processo sull'omicidio di Luca Sacchi
Omicidio suicidio nel Viterbese: uccide la moglie a fucilate e si spara
Omicidio suicidio nel Viterbese: uccide la moglie a fucilate e si spara
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni