video suggerito
video suggerito
Aggiornamenti sul caso Emanuela Orlandi

La sorella di Mirella Gregori: “La sua amica Sonia sa qualcosa, spero ci aiuti dopo 41 anni”

Maria Antonietta ieri è stata ascoltata a Palazzo San Macuto insieme ai familiari di Emanuela Orlandi nell’ambito della commissione bicamerale d’inchiesta sulla scomparsa delle due giovani nel 1983.
A cura di Simona Berterame
2 CONDIVISIONI
Maria Antonietta (a destra) e Mirella Gregori (a sinistra).
Maria Antonietta (a destra) e Mirella Gregori (a sinistra).
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

L'ultima spiaggia. Maria Antonietta Gregori, sorella di Mirella, definisce così la commissione bicamerale d'inchiesta sulla scomparsa della sorella e di Emanuela Orlandi. "Dopo questo a chi altro potrei rivolgermi? – si domanda Maria Antonietta – i miei genitori non ci sono più, sono rimasta solo io a cercare Mirella ma non vedo altri tentativi dopo questa commissione". Tutte le sue speranze sono quindi racchiuse in questa neonata commissione, composta da 20 deputati e 20 senatori, che avrà circa tre anni di tempo per scavare e far luce su due dei misteri più intricati del nostro Paese. Oggi Maria Antonietta è stata ascoltata, insieme alle tre sorelle e al fratello di Emanuela Orlandi, in occasione della prima audizione della commissione. "Spero davvero che quello di oggi sia l'inizio di un percorso positivo – ci dice Maria Antonietta al termine di questa giornata lunga e piena di ricordi – ho molta fiducia in loro e spero di ottenere finalmente qualcosa dopo oltre 40 anni".

L'amica del cuore

Il colloquio tra la sorella di Mirella e i parlamentari è durato oltre due ore e diversi nomi sono stati messi sul piatto della commissione. Ma c'è una persona che è stata nominata più di tutti e potrebbe rappresentare una testimonianza chiave. Sonia De Vito, l'amica del cuore di Mirella, nonché l'ultima persona ad averla vista. "Sonia era la sua amica del cuore, qualcosa (Mirella ndr) deve averle detto, è impossibile che non sappia niente". Nessun dito puntato nei confronti della donna. "Non l'abbiamo mai incolpata di nulla ma le sue dichiarazioni non ci hanno mai convinto e abbiamo sempre pensato che lei conoscesse la persona che doveva incontrare mia sorella. Dopo 41 anni spero che finalmente ci aiuti a trovare la verità".

2 CONDIVISIONI
237 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views