206 CONDIVISIONI
Covid 19
30 Giugno 2022
16:14

Il virus rialza la testa a Roma e nel Lazio, impennata dei casi: quando arriva il picco dei contagi

Secondo l’assessore regionale alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato, la curva dei contagi è destinata ad aumentare per almeno due o tre settimane.
A cura di Enrico Tata
206 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Contagi Covid in netta crescita a Roma e nel Lazio. Da alcune settimane i casi giornalieri stanno crescendo e il picco di questa ondata, secondo le stime della Regione Lazio, verrà raggiunto soltanto a metà luglio. L'aumento è dovuto alla diffusione della sottovariante di Omicron Ba.5, molto più contagiosa rispetto alla prima variante Omicron.

Casi Covid in crescita a Roma e nel Lazio, ricoveri ancora bassi

Nel Lazio l'incidenza è schizzata a 853 casi ogni 100mila abitanti e i contagi giornalieri hanno raggiunto ieri hanno raggiunto quasi quota 10mila. Numeri simili non si vedevano nella Regione della Capitale da fine marzo, inizio aprile. Nonostante questo, i numeri dei ricoveri continuano, per il momento, a restare bassi: il tasso di occupazione è meno del 10 per cento per quanto riguarda i ricoveri ordinari e meno del 4 per cento per quanto riguarda i posti letto nelle terapie intensive.

Quando arriva il picco dei contagi nel Lazio

Secondo l'assessore regionale alla Sanità del Lazio, Alessio D'Amato, la curva dei contagi è destinata ad aumentare per almeno due o tre settimane. Il picco, per quanto riguarda Roma e Lazio, verrà probabilmente raggiunto intorno alla metà del mese di luglio. Fino ad allora i casi giornalieri, secondo le stime della Regione Lazio, continueranno ad aumentare. "Il virus sta rialzando la testa, rinnovo invito a usare mascherina", ha dichiarato D'Amato.

Mascherine di nuovo obbligatorie al chiuso?

D'Amato ha detto di aver proposto al governo di rendere nuovamente obbligatorie le mascherine al chiuso: "Spero che questa proposta sia valutata attentamente anche per salvaguardare la stagione turistica nel momento in cui ci sono decine di migliaia di casi a livello nazionale, significa che andranno in isolamento centinaia di migliaia di operatori della ristorazione e degli alberghi. Questo potrebbe pregiudicare questa importante stagione turistica, anche per l'economia".

206 CONDIVISIONI
32129 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni