1.609 CONDIVISIONI
6 Novembre 2022
9:10

Il medico che ha curato Maria Grazia con i fermenti chiede di essere processato subito per omicidio

Maria Grazia Di Domenico è morta a 27 anni a seguito di un banale intervento in day hospital che però le ha perforato utero e intestino. Si sarebbe dovuta sposare di lì a poche settimane. Oggi il chirurgo che decise di curarla con i fermenti lattici ha scelto di saltare l’udienza preliminare e di essere processato subito per omicidio colposo.
A cura di Redazione Roma
1.609 CONDIVISIONI

Il medico che deve rispondere della morte di Maria Grazia Di Domenico, morta a 27 anni dopo un intervento di conizzazione dell'utero, ha scelto di non celebrare l'udienza preliminare e di andare direttamente al processo. L'uomo, che lavora alla casa di cura romana "Santa Famiglia", dove la ragazza è morta il 24 maggio del 2021, deve rispondere dell'accusa di omicidio colposo. Meno di un mese dopo aveva in programma le promesse di matrimonio e a settembre di convolare a nozze con il suo compagno, ma quella che doveva essere solo un'operazione di routine si è trasformata in una tragedia.

Maria Grazia morì sette giorni dopo l'operazione: durante l'operazione aveva subito la perforazione dell'utero, ma secondo i sanitari gli atroci dolori che l'hanno accompagnata alla morte sarebbero stati dovuti solo a problemi gastrici, tanto da curarla con dei fermenti lattici. Una scelta quella della terapia rispetto alla quale il medico ha chiesto di essere giudicato immediatamente: secondo l'accusa il medico avrebbe valutato i sintomi con superficialità, portando al decesso della ragazza per quella diagnosi. La clinica dopo l'ispezione del personale della Regione Lazio, si è vista anche sospendere l'accreditamento per le prestazioni in convenzione.

I genitori di Maria Grazia nella giornata di ieri, hanno affidato a Fanpage.it una lettera scritta in quello che avrebbe dovuto essere il 29esimo compleanno della figlia: "A diciotto mesi dalla sua scomparsa non se ne parla più, e tutti sono tornati alle proprie normali attività, come se nulla fosse accaduto. Noi genitori chiediamo invece che quanto successo non sia dimenticato e soprattutto chiediamo giustizia". Le parole del papà: "Avrei dovuto accompagnare sotto braccio mia figlia da casa mia all’altare vestita da sposa, unendosi in matrimonio con Matteo. È stato tutto il contrario: il 4 giugno 2021 ho portato mia figlia nella bara vestita da sposa da Roma a casa mia"

1.609 CONDIVISIONI
Omicidio di Thomas Bricca: due persone si presentano in caserma, vogliono essere interrogate
Omicidio di Thomas Bricca: due persone si presentano in caserma, vogliono essere interrogate
Medico balla in sala operatoria con la paziente addormentata. È già imputato per omicidio colposo
Medico balla in sala operatoria con la paziente addormentata. È già imputato per omicidio colposo
La storia di Maria Grazia abbandonata dai genitori:
La storia di Maria Grazia abbandonata dai genitori: "Erano amanti, dopo si sono gettati nel Tevere"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni