Si sono tenuti questa mattina, 7 maggio, nella basilica di Sant'Agnese i funerali di Elena Baruti, la studentessa di diciotto anni investita da un'auto in via Nomentana giovedì 29 aprile. Parenti e amici hanno salutato Elena per l'ultima volta. La cerimonia si è tenuta all'aperto nel rispetto delle misure anti-Covid. Al termine del brano, l'uscita del feretro bianco è stata accompagnata da decine di palloncini verdi liberati in cielo.

I genitori di Elena autorizzano la donazione degli organi:"In una lettera ci ha indicato le sue precise volontà"

I genitori di Elena Baruti hanno autorizzato la donazione degli organi, rispettando le intenzioni della della figlia. "Elena ci ha lasciato una lettera con indicazioni precise sulla sua volontà di donare – hanno dichiarato – ed è per noi molto importante darne testimonianza agli altri, anche se stiamo attraversando un momento di grande dolore e sofferenza. L'unica cosa che in questo momento ci conforta è che la sua scelta rappresenti la salvezza per altre persone, che hanno ricevuto gli organi di nostra figlia". L'espianto è stato effettuato al Policlinico Umberto I di Roma, lo stesso ospedale dove Elena è stata ricoverata subito dopo l'incidente. Mentre la ragazza era in terapia intensiva, i suoi amici avevano lanciato un appello per donare il sangue e salvarla. Elena è morta dopo tre giorni di agonia.

Indagato per omicidio stradale il conducente dell'auto che ha investito la studentessa

Intanto proseguono gli accertamenti della polizia locale di Roma Capitale del II Gruppo Parioli, per ricostruire con esattezza la dinamica dell'incidente. Elena Baruti è stata investita da una macchina mentre stava attraversando via Nomentana, all'incrocio con via di Sant'Agnese. L'auto e il telefono del conducente, indagato per omicidio stradale, sono stati sequestrati dagli agenti che stanno passando al vaglio anche le immagini delle telecamere di video-sorveglianza della zona. Inoltre, saranno sentiti alcuni amici della ragazza, presenti al momento dell'incidente, per verificare che la giovane stesse attraversando sulle strisce pedonali prima di essere travolta.