Undici persone sono state multate all'interno di una palestra di Monte San Giovanni Campano in provincia di Frosinone. Sono state sorprese all'interno di una palestra che invece avrebbe dovuto essere chiusa: in zona rossa, infatti, le palestre devono essere chiuse. A fare irruzione nell'attività sono stati i carabinieri, che si sono resi conto di come la struttura – apparentemente chiusa – avesse in realtà al suo interno diverse persone che facevano attività fisica. A essere multate non sono state solo loro, ma anche il titolare della palestra, che aveva acconsentito a che facessero attività fisica nella struttura. Al titolare è stata elevata anche una sanzione amministrativa perché non teneva un elenco con la presenza degli atleti.

Le regole per l'attività fisica nel Lazio

Durante la zona rossa non è consentito fare attività nelle palestre e nei centri sportivi. L'unica attività fisica consentita è quella all'aperto, sempre nel rispetto delle norme anti-covid e nei pressi della propria abitazione. A differenza di quanto era stato stabilito durante il primo lockdown – e ad eccezione delle regole imposte dai singoli comuni – non c'è un minimo di metri da rispettare dalla propria abitazione, anche se bisogna sempre rimanere nelle vicinanze e non è consentito cambiare ad esempio zona. Questo perché i contagi sono tornati a salire nelle scorse settimane, con il Lazio che è passato dalla zona gialla alla zona rossa senza passare per l'arancione. Secondo quanto emerso dall'ultimo bollettino della Regione Lazio, la situazione sta migliorando, ma bisogna sempre porre la massima attenzione alle regole al fine di evitare un incremento del contagio.