730 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Settembre 2021
8:10

Focolaio all’ospedale Sant’Eugenio, contagiati operatori e pazienti: cosa sta succedendo

Secondo quanto riportato dalla Asl Roma 2, la situazione all’ospedale Sant’Eugenio di Roma non desterebbe preoccupazione. I reparti sono stati tutti riaperti e i servizi sono funzionanti, ma al momento non si conosce il numero preciso di pazienti e operatori contagiati. Nessuno dei positivi è stato ricoverato.
A cura di Natascia Grbic
730 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"La situazione presso l’Ospedale Sant’Eugenio non desta preoccupazione, al momento si sta completando l’indagine epidemiologica e nessuno dei positivi presenta situazioni complicate grazie alla copertura vaccinale". Lo ha comunicato la Asl Roma 2 in relazione al cluster di coronavirus scoppiato all'ospedale Sant'Eugenio di Roma, dove diversi tra operatori e pazienti sono stati contagiati. Le autorità sanitarie sono al lavoro per ricostruire la catena dei contatti, gli ambienti sono stati sanificati e alcuni reparti chiusi. Il contagio, partito dalle aree di degenza di Medicina, Geriatria e Nefrologia, si è diffuso rapidamente, con reparti messi inizialmente in quarantena e zone grigie per gli accessi al pronto soccorso, in modo da contenere il virus. Nessuno, almeno stando a quanto si apprende dalle prime informazioni, è stato ricoverato per complicazioni.

Sul caso è intervenuta la Asl Roma 2, con un comunicato in cui minimizza quanto accaduto e cerca di tranquillizzare gli animi, parlando di situazione assolutamente ‘sotto controllo'. E specifica che "se fosse accaduto un anno e mezzo fa con molta probabilità sarebbero stati ricoverati. Le misure previste dai protocolli sono scattate tempestivamente, sia per quanto riguarda le sanificazioni degli ambienti, che per il contact tracing. I servizi dell’ospedale sono tutti regolarmente funzionanti. Non c’è alcuna situazione di allarme né per i cittadini e né per gli operatori". Un cluster, quindi, che non desterebbe preoccupazione, nonostante l'attenzione massima che si ha in questi casi, con tamponi a tappeto, isolamento dei positivi e dei contatti, e le dovute sanificazioni. Smentita prontamente la voce, che stava iniziando a essere cavalcata tra i no vax, che il contagio sarebbe partito da operatori vaccinati.

730 CONDIVISIONI
27587 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni