27 CONDIVISIONI
Elezioni amministrative 2023

Elezioni Latina 2023: data, candidati sindaco e come si vota

Il 14 e il 15 maggio 2023 si vota a Latina per il rinnovo del consiglio comunale e l’elezione del sindaco. Nell’unico capoluogo al voto nel Lazio si sfidano solo due candidati: il sindaco uscente Damiano Coletta e Matilde Celentano.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Redazione Roma
27 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni amministrative 2023

Domenica 14 e lunedì 15 maggio si terranno le elezioni amministrative, che coinvolgeranno 598 comuni di regioni a statuto ordinario, di cui 13 capoluoghi di provincia. Nel Lazio andranno al voto 47 comuni, di cui un solo capoluogo di provincia: Latina. A Latina sono oltre 150.000 i cittadini aventi diritto al voto chiamati alle urne per rinnovare il consiglio comunale ed eleggere il candidato sindaco. È prevista la possibilità del voto disgiunto e gli elettori potranno esprimere una doppia preferenza di genere.

A correre per la poltrona di sindaco il primo cittadino uscente Damiano Coletta, candidato civico sostenuto da una coalizione di centrosinistra e dal Movimento 5 Stelle, che sarà sfidato da Matilde Celentano, sostenuta da una coalizione di centrodestra. Questa volta non è previsto l'eventuale ballottaggio: essendo solo due i candidati sindaco non ci sarà il doppio turno, visto che non c'è possibilità che uno dei due non raggiunga il 50% più uno dei consensi.

Elezioni a Latina 2023, quando si vota: date e orari

I seggi apriranno alle 7.00 di domenica 14 maggio e chiuderanno alle 15.00 di lunedì 15 maggio. Domenica si vota dalle 7.00 alle 23.00 e lunedì dalle 7.00 alle 15.00. Gli elettori dovranno presentarsi al seggio della propria sezione elettorale con un documento d'identità valido e la tessera elettorale.

I nomi dei candidati sindaco e le liste

Sarà già ballottaggio al primo turno a Latina: solo due i candidati per una sfida perfettamente bipolare. Da una parte il centrosinistra i formato large con il Movimento 5 Stelle, dall'altra il centrodestra unito attorno alla candidata di Fratelli d'Italia. Solo nove le liste in campo, un dato in controtendenza rispetto alle ultime tornate elettorali.

Damiano Coletta

A capo della lista civica Latina Bene Comune, Damiano Coletta vinse a sorpresa le elezioni comunali di Latina nel 2016, mettendo fine a una ininterrotta storia di vittorie della destra nella città del sud del Lazio. Travolto dagli scandali il centrodestra si presentava diviso e Coletta riuscì a superare al primo turno anche il centrosinistra e il Partito Democratico. Altra storia nel 2021 quando il medico prestato alla politica vinse di misura contro il candidato del centrodestra Vittorio Zaccheo. Una vittoria però effimera: Coletta non aveva la maggioranza in consiglio comunale e le dimissioni in massa dei consiglieri di opposizione hanno portato il comune di nuovo alle urne. Oggi tenta nuovamente l'impresa per continuare il suo impegno amministrativo, riunendo un'ampia coalizione e incassando per la prima volta anche il sostegno del Movimento 5 Stelle.

A sostenere Damiano Coletta ci sono quattro liste:

  • Partito Democratico
  • Latina Bene Comune
  • Per Latina 2023
  • Movimento 5 Stelle

Matilde Celentano

La candidata del centrodestra è invece Matilde Celentano, classe 1959. Già consigliera comunale di Fratelli d'Italia nel 2016 e ancora nel 2021 con il ruolo di capogruppo del partito di Giorgia Meloni, è il suo il nome su cui la coalizione di centrodestra ha trovato un accordo. Come Coletta viene dalla professione medica. Con lei il centrodestra punta a tornare a governare la città, forte del suo tradizionale radicamento e dei successi conseguiti a livello nazionale e regionale, mettendo fine alla stagione di Coletta, che ha sempre considerato un'anomalia.

A sostenere Matilde Celentano ci sono cinque liste:

  • Fratelli d’Italia
  • Lista civica Celentano sindaco
  • Forza Italia
  • Lega
  • Udc-Dc

Come si vota alle elezioni comunali 2023, la legge elettorale

La legge elettorale per i comuni sopra i 15.000 abitanti prevede il doppio turno, ma in questo caso essendo solo due i candidati come già ricordato, non ci sarà il ballottaggio. Sulla scheda elettorale i cittadini potranno esprimere il proprio voto indicando ovviamente un solo candidato sindaco, e una sola lista. È possibile esprimere anche solo il voto di lista, e in questo caso il voto per il sindaco andrà automaticamente al candidato sostenuto dalla lista indicata. I cittadini potranno anche esprimere il voto disgiunto: possono cioè assegnare il proprio voto a una lista, e indicare un candidato sindaco non sostenuto dalla lista che si è scelta.

Per le elezioni amministrative è prevista poi la doppia preferenza di genere: i cittadini possono cioè esprimere la propria preferenza per due candidati consiglieri della stessa lista, ma solo indicando il nome accanto al simbolo di un uomo e di una donna. È possibile indicare la preferenza anche per un solo candidato consigliere.

27 CONDIVISIONI
105 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni