271 CONDIVISIONI
La strage di Ardea: uccisi due bimbi e un anziano
15 Giugno 2021
9:42

Ardea, al vaglio cellulare e pc del killer: madre rischia indagine per la mancata denuncia dell’arma

Rischia di essere indagata per detenzione abusiva di arma di fuoco la madre di Andrea Pignani, il killer della strage di Ardea. Dopo la morte del marito era lei a dover denunciare l’eventuale possesso o smarrimento della pistola usata nella sparatoria e che ha portato alla morte di due bambini e un anziano.
A cura di Natascia Grbic
271 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La strage di Ardea: uccisi due bimbi e un anziano

La madre di Andrea Pignani, alla morte del marito, avrebbe dovuto denunciare alle forze dell'ordine o il possesso dell'arma da fuoco, o il suo smarrimento. Nulla di questo è stato fatto: forse la donna non sapeva quale fosse la prassi, o forse non aveva più visto quella Beretta calibro 7,65 e se ne era dimenticata. Fatto sta che è finita nelle mani sbagliate, nelle mani di un ragazzo di 34 anni con problemi psichici che nella giornata di domenica ad Ardea ha fatto una strage, uccidendo i fratellini Daniel e David Fusinato, e il 74enne Salvatore Ranieri. Tra le ipotesi al vaglio della magistratura, quella di aprire un fascicolo per detenzione abusiva di arma da fuoco a carico della madre di Andrea Pignani, che adesso rischia di essere indagata.

A Roma oltre 250mila le armi detenute legalmente

Sono circa dieci milioni le armi in giro in Italia. Oltre 250mila le pistole e i fucili nella città di Roma, mentre nelle province si superano le 170mila. Ignoto il numero delle armi clandestine, in mano alle criminalità organizzata, facilissime da reperire sul mercato. Ma il tema sollevato dalla strage di Ardea è un altro, ed è quello degli omicidi realizzati con pistole detenute legalmente e poi passate di mano dopo il decesso del proprietario. Secondo i dati elaborati dall'Osservatorio permanente sulle armi leggere e le politiche di sicurezza (Opal) nel 2018 e nel 2019 gli omicidi commessi con armi legali hanno superato quelli di matrice mafiosa.

Sequestrati pc e cellulare del killer

Continuano intanto le indagini sulla strage di Ardea e sui motivi che hanno spinto Andrea Pignani a uscire di casa armato domenica mattina e compiere quei tre odiosi omicidi. I carabinieri hanno sequestrato tablet, computer e cellulare del ragazzo – morto suicida per un colpo di pistola – e proveranno a vedere se sui dispositivi elettronici vi sia qualcosa, qualunque cosa, che possa aiutare a far luce su questa follia.

Andrea Pignani, l’autore della strage di Ardea
Andrea Pignani, l’autore della strage di Ardea

Il testimone: "Era strano, ma non pensavo fosse pericoloso"

"Era strano ma non avevo mai pensato potesse essere pericoloso. Era un ragazzo timido, con gli occhiali, sempre con lo zainetto, il classico tipo a cui non presti attenzione. Non si vedeva quasi mai, tranne ogni tanto quando usciva di casa per fare una passeggiata", ha spiegato un testimone a Fanpage.it. "Roberto è stato probabilmente l'ultima persona ad averlo visto in vita: arrivato cinque minuti dopo la strage, ha visto Pignani fermo davanti la porta della sua abitazione. Immobile, come se nulla fosse accaduto. "Ci siamo guardati e ho pensato ‘è quello dell'altra volta', perché qualche giorno fa avevamo avuto una discussione. Non mi ero accorto che aveva una pistola in mano. Qualche secondo e abbiamo cominciato a sentire le sirene".

271 CONDIVISIONI
Strage di Ardea, i funerali di David e Daniel: "Volate più in alto della follia del mondo"
Strage di Ardea, i funerali di David e Daniel: "Volate più in alto della follia del mondo"
Strage Ardea, oggi i funerali. La lettera della mamma del killer: "Come si può tanta ferocia?"
Strage Ardea, oggi i funerali. La lettera della mamma del killer: "Come si può tanta ferocia?"
Nuovo sopralluogo nella mansarda di Pignani: nei libri e nei computer i segreti del killer di Ardea
Nuovo sopralluogo nella mansarda di Pignani: nei libri e nei computer i segreti del killer di Ardea
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni