Se c'è un luogo davvero strano e inquietante a Roma, quello è il Museo delle anime del Purgatorio sul lungotevere Prati. Si tratta di una raccolta di manufatti e testimonianze che, nelle intenzioni di chi gli ha raccolti ed esposti, dovrebbero dimostrare l'esistenza del Purgatorio, la terra di mezzo dove le anime espiano le proprie colpe in attesa di poter accedere al Paradiso. Lo strano (e unico nel suo genere) museo si trova all'interno della sagrestia della Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio. L'edificio ecclesiastico è stato inaugurato nel 1890 grazie all'impegno del missionario francese Victor Jouët, e fondatore dell'Associazione del Sacro Cuore di Gesù per il suffragio delle anime del Purgatorio. Poco dopo l'inaugurazione un incendio devastò parzialmente l'edificio e, proprio dietro l'altare divorato dalle fiamme, il prete pensò di scorgere un volto umano, riconoscendoci proprio un'anima intrappolata in Purgatorio in attesa di ascendere in Paradiso.

La storia del Museo della anime del Purgatorio
Cominciò così per Jouët una vita dedicata a raccogliere quelle che secondo lui erano le prove dell'esistenza del Purgatorio, provenienti da altre città d'Italia, ma anche da Francia, Belgio e Germania. Materiale che copre diversi secoli e da cui emergerebbe come le anime defunte, per espiare i loro peccati e lasciare così il Purgatorio, tenterebbero di attirare l'attenzione dei vivi per chiedere loro di pregare per la loro anima liberandoli dall'angoscia dell'attesa. Papa Pio X incoraggiò l'opera del prete ma, dopo la sua morte nel 1912, l'esposizione fu limitata e resa più discreta da chi eredità la gestione della chiesa. Una parte della raccolta, quella considerata più autentica e significativa, continua ad attirare però curiosi e amanti delle stravaganze, visitatori in cerca di un itinerario diverso nella Città Eterna.

Museo delle anime del Purgatorio: orari e altre informazioni utili
La Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio si trova al numero 12 di Lungotevere Prati, nell'omonimo quartiere del centro di Roma. L'ingresso è gratuito e l'esposizione, così come l'edificio di culto sono visitabili tutti i giorni secondo i seguenti orari: 7.30-11.00 e 16.30-19.30. Per info e contatti: telefono+39 06 68806517, fax: +39 06 6865261.