114 CONDIVISIONI
3 Dicembre 2021
16:01

Un’Italia più irrazionale, negazionista e più povera: come la pandemia ha cambiato il Paese

“Si leva un’onda di irrazionalità. È un sonno fatuo della ragione, una fuga fatale nel pensiero magico, stregonesco, sciamanico, che pretende di decifrare il senso occulto della realtà. Per il 5,9% degli italiani (circa 3 milioni di persone) il Covid semplicemente non esiste. Per il 10,9% il vaccino è inutile e inefficace”: lo afferma il Rapporto del Censis sulla situazione sociale nel Paese nell’anno di pandemia.
A cura di Annalisa Girardi
114 CONDIVISIONI

Italia irrazionale. Ecco cosa ha fatto emergere la pandemia di coronavirus nell'ultimo anno. Lo afferma il Censis nel suo 55esimo Rapporto sulla situazione sociale nel Paese. "Accanto alla maggioranza ragionevole e saggia si leva un’onda di irrazionalità. È un sonno fatuo della ragione, una fuga fatale nel pensiero magico, stregonesco, sciamanico, che pretende di decifrare il senso occulto della realtà. Per il 5,9% degli italiani (circa 3 milioni di persone) il Covid semplicemente non esiste. Per il 10,9% il vaccino è inutile e inefficace. Per il 31,4% è un farmaco sperimentale e le persone che si vaccinano fanno da cavie", si legge.

Ricondurre questi dati semplicemente a una "distorsione legata alla pandemia" però è riduttivo. Il rapporto parla infatti di "radici socio-economiche profonde", che vanno "dal rancore al sovranismo psichico". Fenomeni che si stanno evolvendo trasformandosi nel rifiuto del discorso razionale, dalla scienza e la medicina alle innovazioni tecnologiche. Nel documento si legge:

Ciò dipende dal fatto che siamo entrati nel ciclo dei rendimenti decrescenti degli investimenti sociali. Questo determina un circolo vizioso: bassa crescita economica, quindi ridotti ritorni in termini di gettito fiscale, conseguentemente l’innesco della spirale del debito pubblico, una diffusa insoddisfazione sociale e la ricusazione del paradigma razionale. La fuga nell’irrazionale è l’esito di aspettative soggettive insoddisfatte, pur essendo legittime in quanto alimentate dalle stesse promesse razionali.

Le prospettive, secondo gli italiani, non sono tra le migliori. Per l'81% a un giovane non verranno riconosciuti impegno, investimenti ed energie che metterà nello studio. Per il 35,5% non conviene impegnarsi in un percorso di laurea, visto che dopo probabilmente ci saranno guadagni minimi e rari attestati di riconoscimento. Per due terzi del Paese (oltre il 66%) in Italia si viveva meglio nel passato. E per oltre la metà il balzo del Pil previsto per quest'anno non ci riporterà comunque al benessere e alla crescita economica del passato.

Del resto, sottolinea il rapporto, nel 2020 vivevano in povertà assoluta due milioni di famiglie, cioè il 104,8% in più rispetto al 2010, quando invece erano 980.000 i nuclei familiari in povertà. Il cambiamento più duro si è registrato al Nord, dove l'incremento è stato del 131,4% e dove vivono il 65% delle famiglie povere.

114 CONDIVISIONI
La 'strategia' della destra per la pandemia:
La 'strategia' della destra per la pandemia: "Non fate i menagramo, il Covid lo mandiamo a quel Paese"
469.057 di Marco Billeci
Il comandante generale dei carabinieri Luzi a Fanpage:
Il comandante generale dei carabinieri Luzi a Fanpage: "Così il Covid ha cambiato volto al crimine"
85.217 di Fanpage.it
Giorgia Meloni sta ottenendo tutto quel che vuole senza fare nulla
Giorgia Meloni sta ottenendo tutto quel che vuole senza fare nulla
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni