740 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
6 Giugno 2022
12:54

Ucraina, Di Maio: “Lavoriamo alla pace e all’escalation diplomatica, ma dobbiamo essere in due”

Il ministro degli Esteri è tornato ad attaccare duramente la Russia, sia per la guerra scatenata in Ucraina sia per il blocco del grano che rischia di mettere in ginocchio l’Africa: “Noi continueremo a lavorare per la pace, per un’escalation diplomatica – ha sottolineato Di Maio – Ma per volere la pace bisogna essere in due”.
A cura di Tommaso Coluzzi
740 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La pace, crisi del grano, gli attacchi di Mosca all'Italia. Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, intervenuto a margine di un evento a Napoli, è andato ancora una volta all'attacco di Putin e dell'aggressione russa in Ucraina: "La guerra non sta solo provocando, a causa della Russia, effetti nell'area dove si sta tenendo il conflitto, ma anche a migliaia chilometri di distanza – ha messo in guardia il pentastellato – Ovviamente questi effetti interesseranno l'Europa e prima tra tutti l'Italia". Il titolare della Farnesina si riferisce allo stop al grano ucraino: "Qui rischiamo che scoppino nuove guerre a migliaia di chilometri di distanza dall'Ucraina a causa del fatto che la Russia, con le navi militari, sta bloccando l'export di grano dai porti ucraini – ha sottolineato – Questa settimana terremo un importante evento di dialogo tra tutti i Paesi del Mediterraneo per trovare una soluzione che, per esempio, eviti una crisi alimentare che provocherà maggiori flussi migratori verso l'Italia".

L'obiettivo della diplomazia italiana è chiaro, come ha ribadito ancora una volta il ministro degli Esteri: "Noi continueremo a lavorare per la pace, per un'escalation diplomatica. Ma per volere la pace bisogna essere in due". L'Ucraina "ha fatto importanti aperture negli ultimi mesi, ma la Russia continua a intensificare i bombardamenti sul Donbass". Poi ha attaccato: "È inaccettabile che la Russia dia lezioni di libertà all'Italia. È in Russia che quando si protesta contro la guerra si viene arrestati". E ancora: "Qui siamo un Paese libero dove i media stanno raccontando la guerra – ha insistito Di Maio – E stanno raccontando che la Russia è l'aggressore. La notte del 24 febbraio Putin ha deciso di aggredire l'Ucraina e questo è un fatto storico incontrovertibile".

I problemi, per l'Italia, non finiscono qui: "Non possiamo non tener conto del fatto che anche nel Pnrr abbiamo problemi che stanno scaturendo dalla guerra in Ucraina – ha spiegato Di Maio – Il costo dei materiali e dell'energia purtroppo incide sulla costruzione delle infrastrutture e sulla realizzazione di parte dei progetti del Piano". Poi ha ricordato: "Abbiamo investito circa 30 miliardi di euro per mitigare gli effetti della guerra su famiglie e imprese". E infine il ministro degli Esteri ha sottolineato l'importanza del Consiglio europeo che si terrà a fine giugno: "Il presidente Draghi andrà a discutere al tavolo europeo di importanti temi – ha concluso – il tetto massimo al prezzo del gas, la crisi alimentare, la soluzione diplomatica".

740 CONDIVISIONI
2691 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni