129 CONDIVISIONI
Covid 19
12 Gennaio 2022
21:02

Terapie intensive, peggiorano i dati in 4 Regioni: ecco chi rischia la zona arancione

Con gli ultimi dati Agenas, aggiornati al 12 gennaio, si osserva una crescita della percentuale d’occupazione delle terapie intensive in 4 Regioni.
A cura di Annalisa Cangemi
129 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La percentuale di occupazione dei posti letto da parte di pazienti Covid 19 a livello nazionale rimane al 18% (0%) nelle terapie intensive, senza nessuna variazione rispetto ai dati di ieri. Immutata anche la percentuale di riempimento nei reparti dell'area non critica, al 27% (0%). È quanto emerge dal monitoraggio Agenas del 12 gennaio.

Ma i dati delle terapie intensive peggiorano in 4 Regioni, mentre la zona arancione si avvicina per più di una Regione italiana. La percentuale d'occupazione delle rianimazioni cresce in Abruzzo, che è al 19%, +1% rispetto a ieri; nelle Marche, dove i ricoveri in terapia intensiva sono in aumento, al 23% (+1%); rianimazioni in crescita anche in Friuli-Venezia Giulia, al 23%, +2% rispetto alla rilevazione di ieri; e in Toscana, dove i posti in terapia intensiva sono occupati al 22% (+1%).

Ricordiamo che i requisiti per il passaggio in zona arancione sono il superamento della soglia del 30% per i ricoveri ordinari e del 20% per le terapie intensive, oltre a un'incidenza settimanale dei contagi pari o superiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti, ampiamente raggiunta ovunque. In questo momento l'Italia è così divisa sono in tutto 15 le aree in zona gialla, e cioè Abruzzo, Emilia-Romagna, Toscana e Valle d'Aosta, Lombardia, Lazio, Piemonte, Sicilia, Liguria, Marche, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Calabria e le Province autonome di Bolzano e Trento. Le altre Regioni sono bianche, e nessuna al momento è arancione, ma la situazione potrebbe cambiare nelle prossime settimane.

In questo quadro la Calabria ha già numeri da zona arancione, visto che ha le rianimazioni piene al 20% e i reparti ordinari già al 38%. Anche il Piemonte ha già i requisiti per la zona arancione, con il 23% delle terapie intensive e il 33% dell'area medica. La Sicilia con queste percentuali è già praticamente in fascia arancione: rianimazioni al 20% e soglia del 33% per i reparti ordinari.

E si avvicinerebbe ai numeri da zona arancione anche la Provincia autonoma di Trento, con le rianimazioni piene al 30%, anche se l'area medica è ancora 25%, seppur in crescita. Percentuali preoccupanti per il Friuli-Venezia Giulia, che ha già superato la soglia per quanto riguarda le rianimazioni, cioè il 23%, mentre è ancora al 27% per i reparti ordinari. Da tenere sotto osservazione anche la situazione del Lazio, con le terapie intensive piene al 21% e l'area non critica occupata al 25%.

I dati Regione per Regione

Ecco i dati Regione per Regione (nella colonna di sinistra le terapie intensive, a destra l'area non critica):

  • Abruzzo 19% (+1%); 26% (0%)
  • Basilicata 1% (-2%); 21% (0%)
  • Calabria 20% (0%); 38% (0%)
  • Campania 11% (-1%); 26% (+1%)
  • Emilia-Romagna 17% (0%); 24% (0%)
  • Friuli-Venezia Giulia 23% (+2%); 27% (-1%)
  • Lazio 21% (0%); 25% (0%)
  • Liguria 18% (-2%); 38% (0%)
  • Lombardia 17% (0%); 32% (+1%)
  • Marche 23% (+1%); 27% (+2%)
  • Molise 5% (0%); 13% (0%)
  • P.A. Bolzano 17% (0%); 15% (0%)
  • P.A. Trento 30% (-1%); 25% (+1%)
  • Piemonte 23% (-1%); 33% (0%)
  • Puglia 10% (0%); 18% (+1%)
  • Sardegna 13% (-1%); 13% (0%)
  • Sicilia 20% (0%); 33% (+1%)
  • Toscana 22% (+1%); 23% (+1%)
  • Umbria 16% (0%); 31% (+1%)
  • Valle d'Aosta 15% (-3%); 52% (-2%)
  • Veneto 20% (0%); 23% (-2%)
129 CONDIVISIONI
31088 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni