5.084 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 7 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 15 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
16 Luglio 2022
10:22

Sondaggi politici, chi vincerebbe le elezioni se si votasse oggi: Meloni sempre in testa

Secondo l’ultimo sondaggio politico di Bidimedia, se si votasse oggi il primo partito sarebbe Fratelli d’Italia. Il Partito Democratico resta attaccato, mentre il Movimento 5 Stelle e la Lega continuano a crollare.
A cura di Tommaso Coluzzi
5.084 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

La crisi del governo Draghi – con le dimissioni del presidente del Consiglio e il rinvio alle Camere – ha riaperto l'ipotesi di un finale anticipato per la legislatura. Si torna a parlare perciò di elezioni in autunno, se l'esecutivo non dovesse superare la prossima settimana e se il Presidente Mattarella decidesse di sciogliere le Camere in anticipo. Ma chi vincerebbe in caso di voto imminente? L'ultimo sondaggio politico di Bidimedia delinea una situazione abbastanza chiara, confermando – di fatto – quando visto negli ultimi mesi nelle intenzioni di voto. E, dicono i maligni, sono proprio quei sondaggi che hanno portato Conte e i suoi allo strappo – per ora non definitivo – dal governo Draghi.

Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni è sempre il primo partito per Bidimedia, con il 22,9% e in crescita del 2,9% rispetto a due mesi fa. A seguire c'è il Partito Democratico di Enrico Letta con il 22,3%, cristallizzato in quella posizione tanto che – al confronto con il dato di due mesi prima – non c'è alcuna variazione percentuale. Terza c'è la Lega di Matteo Salvini al 14,2%, che invece negli ultimi sessanta giorni ha perso il 3,6%. È il dato peggiore tra i partiti sondati in termini di crollo. Ancora più in basso c'è invece il Movimento 5 Stelle, che ha subito anche la scissione di Luigi Di Maio e negli ultimi due mesi ha perso il 2,0%. Giuseppe Conte e i suoi ora sono dati al 10,2%.

Forza Italia di Silvio Berlusconi, intanto cresce dello 0,4% in due mesi e torna al 7,2%, dimostrando di essere ancora fondamentale per la coalizione di centrodestra, a proposito di elezioni. Poi troviamo due federazioni: Azione e +Europa al 4,7%, Sinistra Italiana ed Europa Verde al 4,0%, entrambe in calo di un decimo di punto. Italexit di Paragone continua con il suo boom di consenso: più 0,6% e sale al 2,3%. E ancora, troviamo Italia Viva di Matteo Renzi al 2,0% e Articolo 1 – Mdp del ministro Speranza all'1,4%. Infine una serie di partiti neonati e progetti diversissimi tra loro: dal nuovo partito di Adinolfi con l'ex leader di Casapound, che si chiama Alternativa per l'Italia ed è dato all'1,3%, a Insieme per il futuro di Luigi Di Maio che otterrebbe appena lo 0,7%.

5.084 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni