"Mi preoccupa un governo litigioso e confuso. Pensiamo alla scuola: avere un ministro come l'Azzolina è un problema per i nostri ragazzi, per gli insegnanti e per le nostre famiglie. Spero che gli italiani possano tornare a scegliere il prima possibile". Il leader della Lega Matteo Salvini, a margine di una visita al gazebo della Lega al centro commerciale Portello di Milano, torna a lanciare strali contro il governo e a invocare le urne.

"Io sono preoccupato, più che per le manovre di palazzo, per la situazione economica e sociale: cassa integrazione, posti di lavoro a rischio, l'allarme ieri di Confcommercio sul milione di posti di lavoro a rischio e oggi di Confindustria sui cantieri fermi" ha detto Salvini. "Promesso: facciamo di tutto per mandarli a casa il prima possibile" ha poi assicurato ai sostenitori, ribadendo le due "battaglie" sui cui è impegnata in questo momento la Lega: "Sbloccare i cantieri sulle autostrade che stanno facendo disperare gli italiani e bloccare gli 8 milioni di cartelle esattoriali di Equitalia in partenza in questi giorni".

"La via maestra è il voto" ha poi ribadito Salvini. "No, i dibattiti surreali sulla legge elettorale, sul Mes e sui giochini non mi appassionano. E sono sicuro che il centrodestra sarà compatto". Così il leader del Carroccio ha risposto a una domanda su una possibile un'intesa tra Forza Italia, Pd e 5 Stelle su legge elettorale e Mes, con Berlusconi che apre a un nuovo governo con Conte premier. Il leader degli azzurri, in un'intervista di oggi a ‘Il Giornale' ha infatti aperto alla possibilità di sondare l'esistenza di una maggioranza alternativa in Parlamento: "Voglio essere molto esplicito – ha detto Berlusconi – io non credo che in questo Parlamento vi siano le condizioni per dare vita a un governo adeguato alla gravità della situazione del Paese. Se tuttavia molti parlamentari si rendessero conto della necessità di anteporre all'interesse personale o all'appartenenza di partito il bene collettivo, se alcune forze politiche fossero disponibili a dare vita a un governo diverso e migliore di questo, forse sarebbe il caso di parlarne".

A proposito del ricovero di Umberto Bossi in ospedale Salvini ha aggiunto: "Sto seguendo la situazione e gli sono vicino. Conto che vinca anche questa battaglia e non vedo l'ora di abbracciarlo. Diciamo che la situazione non è drammatica". Bossi si trova ricoverato a Varese.