16.635 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
2 Marzo 2022
15:22

Salvini dice che vuole andare in Ucraina a fare una marcia per la pace

Il leader della Lega ha detto che sta pensando di andare in Ucraina per formare “un grande movimento per la pace che vada a frapporsi tra il popolo e le bombe”.
A cura di Tommaso Coluzzi
16.635 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Matteo Salvini vuole andare in Ucraina. Il leader della Lega, durante una conferenza stampa questa mattina alla Camera, ha parlato della guerra in Ucraina e di quali sono – dal suo punto di vista – i tentativi da fare per raggiungere la pace. E ha subito annunciato: "Stiamo pensando di esserci in presenza, perché una cosa è manifestare a Berlino, una cosa esserci – ha detto – Mi piacerebbe che ci fosse un flusso di combattenti per la pace, è un rischio, ci stiamo ragionando, ma non deve essere un problema, pensiamo a un grande movimento per la pace che vada a frapporsi in Ucraina tra il popolo e le bombe".

Insomma, Salvini ha fatto capire che sta pensando seriamente di andare nella zona di guerra: "Magari il prossimo collegamento alla Camera lo facciamo settimana prossima da quei territori – ha aggiunto – Se siamo in cento è un conto, se fossimo in centomila è un altro". Poi ha parlato di "una marcia per la pace". Il leader della Lega ha continuato: "Se ci fosse un' invasione pacifica in senso contrario e cioè se in entrata ci fossero persone disarmate per la pace io sarei fra di loro". La pace, ha sottolineato Salvini, "non è mai politicamente scorretta", ma "va perseguita con ogni mezzo necessario senza mai sospendere il tempo del dialogo, del confronto e dell'ascolto". Altrimenti "bomba chiama bomba e un conflitto nucleare è da evitare con ogni mezzo".

Salvini ci ha tenuto a sottolineare che in questo momento "c'è qualcuno che invade e qualcuno che è invaso" e – ovviamente – lui e la Lega sono al fianco "degli invasi". La priorità, però, "è fermare le armi". E ancora: "È chiaro che a un popolo sotto assedio gli devi dare strumenti per difendersi, ma gli italiani odiano la guerra – ha continuato – Io mi metto a disposizione per arrivare al cessate fuoco, sto incontrando tutti. Però se devi chiedere il cessate il fuoco va chiesto ai russi, va chiesto ai cinesi, alla Santa Sede che è terreno neutrale". E ha aggiunto: "Chiedere la mediazione delle diplomazie ecclesiastiche è fondamentale".

Il leader della Lega è tornato anche sul tema dei profughi che arrivano dall'Ucraina: "I bimbi sono vita e vanno sempre accolti. Qui ci sono bombe vere, vedove e orfani, chi scappa dall'Ucraina scappa dalla guerra e ha diritto di essere accolto – ha polemizzato – Altra gente che dice che scappa dalla guerra ma la domanda di accoglienza gli viene bocciata". Poi ha insistito ancora sulla marcia per la pace in Ucraina: "Non si tratta di andare a fare una passeggiata, ma se ritenessi di poter dare il mio minuscolo contributo andando a sostenere le associazioni umanitarie lo farei".

16.635 CONDIVISIONI
3315 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni