292 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 2 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 8 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
12 Settembre 2022
13:07

Salvini dice che il governo di centrodestra continuerà a sostenere l’Ucraina con aiuti militari

Il leader della Lega spiega che anche il prossimo governo – che molto probabilmente sarà di centrodestra – continuerà a sostenere militarmente l’Ucraina: “L’importante è che la guerra finisca”.
A cura di Tommaso Coluzzi
292 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Un futuro governo di centrodestra invierà le armi all'Ucraina. Matteo Salvini non usa giri di parole, ma ribadisce la sua posizione sulle sanzioni che rischiano di colpire più l'Italia che la Russia. Il leader della Lega, intervenendo a margine di un incontro con i vertici della Cisl, torna sulla guerra scatenata dalla Russia e conferma la linea dell'esecutivo che verrà dopo le elezioni. Visti gli ultimi sviluppi in Ucraina – dove la controffensiva di Kiev sta portando risultati importanti – a Salvini viene chiesto come si comporterà il governo che, vista la schiacciante vittoria prevista dai sondaggi, si dovrebbe formare dopo il voto del 25 settembre.

"Lo abbiamo già fatto e continueremo a farlo", dice il leader della Lega riferendosi all'invio di aiuti militari a Zelensky e all'Ucraina. "L'importante è che la guerra finisca il prima possibile e che le sanzioni non mettano in ginocchio le aziende e i lavoratori italiani", aggiunge però Salvini. La sua posizione sulle sanzioni, in verità, è nota da tempo. All'interno del centrodestra c'è una diversità di vedute che, però, viene minimizzata dagli stessi protagonisti. Il segretario del Carroccio ribadisce spesso che le sanzioni non devono danneggiare il Paese che le applica, sottolineando anche che Putin vada "messo in ginocchio".

"Chiediamo protezione – insiste ancora Salvini davanti alla sede della Cisl – Vogliamo proteggere il popolo ucraino e l'abbiamo sempre fatto votando ogni norma". Però "chiediamo anche di proteggere i lavoratori italiani perché con questi costi di luce e gas rischiamo una strage di posti di lavoro". Insomma, per il leader della Lega bisogna ripensare le sanzioni, perché – dal suo punto di vista – collegate al caro energia che sta travolgendo l'Italia e l'Europa. Quanto agli aiuti militari nessuno stop, anche con il prossimo governo che – quasi sicuramente – sarà di centrodestra.

292 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni