Nella sua ultima Enews il leader di Italia viva Matteo Renzi ha detto che il governo giallo-rosso è caduto per l'"incapacità di fare politica" di Giuseppe Conte. "In casa Pd, autorevoli ex guru iniziano a sostenere che il Governo Conte sia caduto per un (immancabile) complotto internazionale. Quindi non era colpa di un uomo solo, folle, di nome Matteo Renzi, come ci hanno raccontato per giorni a reti unificate", ha scritto. "Dicono, dunque, ci sia stato un complotto internazionale. E sembrano persino crederci. Ho scoperto in questi anni che molti chiamano ‘complotto internazionale' semplicemente la propria incapacità di fare politica".

"Servono vaccini. Con un piano serio, non con le pagliacciate del passato pensate solo per i Tg. Il piano serio è quello del Generale Figliuolo, meno male che finalmente è arrivata una persona in gamba e determinata. La pagliacciata era la propaganda televisiva del camioncino con il vaccino seguito minuto per minuto ma contenente solo piccole dosi mentre gli altri paesi si rifornivano. Una logica da Grande Fratello, che ha imperversato per anni anche nella comunicazione istituzionale di questo Paese e che adesso – per fortuna – è sparita, se Dio vuole. Servono i vaccini, stanno arrivando, utile produrre in Italia, specie pensando che la sfida non si vincerà definitivamente domattina. Il vaccino è libertà con buona pace dei NoVax (molti meno del passato fortunatamente)", ha aggiunto parlando delle vaccinazioni.

Secondo il senatore di Rignano prima di sconfiggere il virus bisogna accettare ci conviverci per un po'. Per farlo servono anche i "farmaci monoclonali. Lo dice da mesi il professor Rappuoli, lo ripetono in tanti. Ottima l’intervista del professor Bassetti di Genova. Servono farmaci. E la ricerca sui monoclonali sarà molto utile nei prossimi 20 anni, non solo contro il Coronavirus". Ma servono anche "30 miliardi subito sulla sanità": "Con Annamaria Parente e Lisa Noja daremo vita a un evento di presentazione del piano Sanità 2030, all'interno de ‘La Primavera delle Idee' venerdì prossimo alle 18.30", ha annunciato l'ex premier.