1.576 CONDIVISIONI
Covid 19
10 Dicembre 2020
08:18

Recovery fund, Conte: “Il governo può andare avanti solo se c’è fiducia di tutta la maggioranza”

Il presidente del Consiglio Conte, poche ore dopo il voto del Parlamento sulla riforma del Mes, lancia un monito: “Ovviamente un governo può proseguire nella sua azione solo sulla base della fiducia di ciascuna forza di maggioranza. Se non c’è questa non si può andare avanti, è una banalità. Siamo una repubblica parlamentare. Certo io non mi sottraggo al confronto e al dialogo”.
A cura di Annalisa Cangemi
1.576 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dopo aver incassato il sì di Camera e Senato sulla risoluzione che dà il via alla riforma del Mes, si appresta a partecipare al Consiglio europeo di oggi e domani. La giornata in Parlamento non è stata semplice del premier, che ha dovuto registrare anche le critiche all'interno della sua maggioranza, in particolare da Italia viva, per la governance del Recovery fund. "Un colossale fraintendimento", commenta il premier sul ‘Corriere della sera', ma "la struttura è necessaria".

"Non mi spaventa il confronto tra alleati, l'importante è che la dialettica si traduca in ricchezza di idee, non in sterili polemiche". E poi garantisce: "Sul Recovery abbiamo appena iniziato a discutere, avendo bene in mente gli obiettivi di funzionalità e semplificazione" anche perché, dice, "non c'è scritto da nessuna parte quanti dovranno essere".

"Comunque", spiega, "serve una struttura che assicuri il monitoraggio dei cantieri e il rispetto dei tempi. Tutto ciò non andrà in manovra, ma in un apposito decreto legge proprio come chiede Renzi. Troveremo la formula giusta nella sede propria, governo e Cdm" e "il confronto sarà costante". Parlando invece con ‘la Repubblica', sempre il premier avverte che nella partita in ballo non vince o perde lui, ma "vince o perde l'Italia", di fronte all'Europa, "che aveva pregiudizi verso di noi e che li sta superando". "Ma", è il monito di Conte, "basta poco per disfare tutta la tela".

Quindi il premier lancia un appello "che riguarda tutti: non possiamo permetterci che la dialettica sfoci in contrappunti e demarcazioni che ci fanno precipitare in una condizione sterile. Questo interrogarci chiassoso tra di noi, questo guardarci tra noi che diventa fine a se stesso, non ha nessun significato. Mentre i cittadini attendono che risolviamo le sfide che abbiamo di fronte". Conte si dice disponibile a "trattare" per salvare il governo, a sedersi al tavolo del confronto. E in un terzo colloquio con ‘La Stampa' sottolinea che "Ovviamente un governo può proseguire nella sua azione solo sulla base della fiducia di ciascuna forza di maggioranza. Se non c’è questa non si può andare avanti, è una banalità. Siamo una repubblica parlamentare. Certo io non mi sottraggo al confronto e al dialogo. Ne avremo quanti ne vorranno i partiti della coalizione. Non mi hanno mai spaventato".

Sulla task force per il Recovery fund ha aggiunto: "Nel testo della norma non c'è scritto da nessuna parte che ci saranno 300 consulenti" e che anche se "la struttura di governance è stata concepita come molto snella, i responsabili di missione ci saranno" e "non avranno poteri espropriati dalle amministrazioni centrali o locali". Avranno lo staff necessario per monitorare e controllare i tempi di attuazione del piano "altrimenti sarebbe impossibile verificare lo stato di avanzamento dei progetti selezionati dal Consiglio dei ministri". Perché conclude Conte, "parliamo di opere che avranno diffusione capillare, come asili nido, edifici scolastici, migliaia di cantieri".

1.576 CONDIVISIONI
31015 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni